La diretta tv di Travaglio e la carta igienica con il volto di Renzi

di Enzo Boldi | 14/02/2019

Marco Travaglio
  • Fa discutere il collegamento di Marco Travaglio a Tagadà

  • Il direttore del Fatto aveva alle spalle la carta igienica con il volto di Matteo Renzi

  • Il rapporto tra i due non è mai stato eccelso, ma forse ora si esagera

Eravamo abituati alla pubblicità con i Labrador o a quella dei rotoloni infiniti che percorrono le autostrade. Ora, invece, Marco Travaglio ha sdoganato un nuovo prodotto: la carta igienica con il volto di Matteo Renzi. Il direttore de Il Fatto Quotidiano, infatti, si è presentato in collegamento tv con alle spalle una confezione di carta igienica con la faccia dell’ex presidente del Consiglio, inserita in bella mostra tra i volumi della sua libreria.

LEGGI ANCHE > Raidue vuole commissionare al figlio di Travaglio la sigla di ‘Popolo Sovrano’

Volano stracci, anzi rotoli. I rapporti tra Marco Travaglio e Matteo Renzi non sono mai stati eccelsi, ma la comparsa di quella confezione di carta igienica con il volto dell’ex premier ed ex segretario del Partito Democratico non sembra esser stata una grande mossa. I dissidi tra i due vanno avanti da molto tempo, con anche il ruolo di Tiziano Renzi nelle vicende della Consip – con tanto di querele da parte dei diretti interessati – e ora assumono un contorno molto diverso.

Travaglio e la carta igienica col volto di Renzi

Il tutto è andato in onda durante Tagadà, nella trasmissione andata in onda su La7 mercoledì 13 febbraio, quando Marco Travaglio era in collegamento per parlare di Tav e della famosa analisi costi-benefici pubblicata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Una dimenticanza, forse, quella del direttore de Il Fatto Quotidiano, che però non è passata inosservata agli occhi degli spettatori che hanno denunciato l’accaduto sui social.

 

I rotoli venduti su ebay

Quei rotoli di carta igienica si trovano in vendita anche su ebay, uno dei principali portali per gli acquisti online. Navigando sul sito è possibile trovare quelli con il volto di tantissime personalità della politica internazionale e non, oltre a quelli con le facce di altri personaggi: da Berlusconi a Salvini, passando per Putin e Obama fino ad arrivare – addirittura – a Maria De Filippi. Poi ci sono anche quelli con gli stemmi delle squadre di calcio.

Una moda, in pratica, che va avanti da tempo e che ha colpito tutti i personaggi e le personalità particolarmente esposte. Resta, però, il problema di presentarsi in diretta televisiva – anche nelle vesti di direttore di un quotidiano – con quel prodotto goliardico alle spalle.

(foto di copertina: da frame della trasmissione Tagadà su La7)