Un tedesco dirigerà il British Museum

di Redazione | 25/09/2015

Una gloria britannica, il British Museum, sarà affidato alla direzione dello storico tedesco Hartwig Fischer.

Una vista aerea del British Museum (Photo by Matt Cardy/Getty Images)
Una vista aerea del British Museum (Photo by Matt Cardy/Getty Images)

UN TEDESCO PER IL BRITISH MUSEUM –

Il suo nome, inizialmente non incluso nella rosa dei papabili, è stato indicato dal direttore uscente, Neil MacGregor, che lascerà il posto nel dicembre prossimo. Fischer è attualmente il direttore generale delle Collezioni d’Arte di Stato di Dresda ed è stato direttore del Folkwang Museum di Essen.

IL PRIMO STRANIERO DALL’800 PER IL BRITISH MUSEUM –

Il British Museum,  fondato nel 1753 da sir Hans Sloane, è l’attrazione turistica più visitata della Gran Bretagna, 6,7 milioni di turisti hanno percorso le sue sale nel 2014, e Fischer, la nomina del quale deve essere ancora ufficializzato, sarebbe il primo direttore straniero dal 1866, dopo Antonio Panizzi, l’italiano ricordato come il «secondo fondatore» del British Museum.

LEGGI ANCHE: Nomine musei, Franceschini: «Chi critica è un provinciale, continueremo»

NIENTE POLEMICHE PER ORA –

La nomina di Fischer sarebbe già stata approvata dal trust che amministra il museo e presto riceverà anche il placet di Cameron. Fischer ha cominciato la sua carriera museale presso il Kunstmuseum di Basilea, dove è stato curatori per l’arte moderna e quella del 19° secolo dal 2001 al 2006, non ha mai lavorato in Gran Bretagna, se non all’organizzazione di una mostra su Wassily Kandinsky alla Tate Modern di Londra. Ha studiato storia dell’arte, arte e archeologia classica a Bonn, Berlino, Roma e Parigi e ha un dottorato in filosofia conseguito all’università di Bonn. Ha 52 anni, parla tedesco, francese, inglese e italiano ed è sposato con Ilaria Piqueras Fischer, una psicoanalista. La sua nomina, al contrario di quanto accaduto in Italia con la nomina di responsabili stranieri per alcune istituzioni culturali, non ha per ora scatenato polemiche in Gran Bretagna.