La Lega di Cerea scrive che la strage di Bologna è colpa delle Brigate Rosse

di Enzo Boldi | 02/08/2019

Strage Bologna

Un errore? Forse. Ma quel post è stato online per quasi otto ore prima di essere modificato. La storia arriva da Cerea, in provincia di Verona, dove il profilo Facebook della Lega di zona ha pubblicato un post per ricordare le vittime della strage Bologna del 2 agosto 1980. La scritta che accompagnava l’articolo dell’Ansa – che ripercorre tutte le tappe di quella drammatica vicenda che ha segnato indelebilmente gli italiani e la loro memoria – riportava, però, la seguente scritta: «Attentato terroristico delle brigate rosse alla stazione di Bologna».

Ora, se ci si collega alla pagina Facebook della Lega Nord Cerea, il post appare nella versione modificata, con l’accusa alla Brigate Rosse rimossa e sostituita dal numero di morti e feriti della strage Bologna: ben 85 le vittime accertate per l’esplosione delle 10.25 del 2 agosto 1980. Un triste anniversario per l’Italia che, però, è stato strumentalizzato (per errore, o forse no) dalla pagina social del Carroccio della cittadina in provincia di Verona.

La Lega di Cerea dà la colpa alle Brigate Rosse per la strage Bologna

Cliccando, però, sui tre pallini in alto a destra (alla nostra destra) sul post, la seconda voce recita: «Visualizza cronologie modifiche». Da lì è possibile risalire a tutti i cambiamenti fatti, con tanto di orari. E il post originale, pubblicato su Facebook dalla Lega Nord Cerea alle 12.26, mostra un qualcosa di ben diverso rispetto a quanto scritto ora, con la modifica delle 20.22.

La scritta online per oltre sette ore

«#Memoria per non dimenticare. 2 agosto 1980 – 2 agosto 2019. Attentato terroristico delle brigate rosse alla stazione di Bologna». E tutto questo è stato online così per oltre sette ore. Centinaia di commenti hanno fatto notare l’accusa alla Brigate Rosse, ma solo in serata è arrivata la correzione. Comunque fuori tempo massimo.

(foto di copertina: ARCHIVIO ANSA + Post Lega Nord di Cerea su Facebook)