Lo Stato Sociale invita a cena la Boschi e Dario Corallo si imbuca

di Redazione | 18/01/2019

stato sociale
  • Maria Elena Boschi cita lo Stato Sociale per scagliarsi contro Di Maio

  • La band di Lodo Guenzi, in ogni caso, attacca il PD

  • Dario Corallo prova a inserirsi nella conversazione senza esito

La polemica scorre sul filo della rete. Parte dalla presentazione del decretone che contiene quota 100 e reddito di cittadinanza e arriva alla proposta di uno spritz alla Bolognina entro le 21.30. Gli attori sono Maria Elena Boschi, Lo Stato Sociale e…Dario Corallo, con finale a sorpresa. Questa mattina, l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio, aveva preso in giro Luigi Di Maio e il suo reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE > Matteo Salvini rifiuta il cartello del reddito di cittadinanza che gli passa Casalino | VIDEO

Il gioco di parole è tra lo stato sociale auspicato da Di Maio con il reddito di cittadinanza (uno Stato, cioè, più attento alle esigenze e ai bisogni dei cittadini) e Lo Stato Sociale, nome della band di cui Lodo Guenzi (ex giudice di X Factor) è il frontman, che presentò a Sanremo 2018 la canzone Una vita in vacanza. 

Proprio la band musicale di Bologna, chiamata in causa, ha risposto per le rime a Maria Elena Boschi:

Gli artisti hanno sottolineato la distanza con il Partito Democratico e alla percezione del Paese reale da parte degli organi ufficiali del centro-sinistra. Le esigenze dei cittadini, secondo Lo Stato Sociale, non vengono prese in esame da quello che dovrebbe essere il partito-guida dei progressisti. E la stoccatina arriva anche in funzione della cena con la Lega – organizzata dalla giornalista Annalisa Chirico – di qualche giorno fa.

Alla fine, in tutta questa discussione, si inserisce anche Dario Corallo, il giovane dem in lizza per la segreteria del partito.

Per cercare di ricucire lo strappo, Dario Corallo ha provato a proporre un aperitivo a Bologna. La sua richiesta, almeno sui social network, è rimasta senza esito. Della serie, visualizzata e senza risposta. Vittima dello «stato social».