La signora di 68 anni che offese Mattarella sui social: «L’ho fatto perché Grillo gridava di qua e Di Battista di là»

di Redazione | 10/11/2019

signora Elvira

Elvira, di 68 anni, è una degli haters indagata per le offese a Mattarella in occasione dei fatti accaduti intorno al primo incarico dato a Giuseppe Conte nel maggio 2018: in quella circostanza c’era da formare il governo giallo-verde (con Lega e Movimento 5 Stelle) e si arrivò a una prima battuta d’arresto sul nome di Paolo Savona indicato come ministro dell’Economia. Erano i minuti frenetici in cui si twittava sull’impeachment, con il Movimento 5 Stelle che lo chiedeva in maniera esplicita.

LEGGI ANCHE > Enrico Mentana converte gli haters di Sergio Mattarella 

Signora Elvira, gli insulti a Mattarella e la ‘responsabilità’ di Di Battista e di Grillo

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella fu assalito da un vero e proprio flusso di odio sui social network per la sua decisione di aver posto il veto su Paolo Savona e per la sua presunta responsabilità nella falsa partenza del governo giallo-verde. Tra questi messaggi, ci fu anche quello di Elvira che, su Facebook, scrisse: «Ti hanno ammazzato il fratello, cazzo… non ti basta?».

Per quell’insulto risulta indagata per un reato, vilipendio al Capo dello Stato, che prevede come pena massima 15 anni di carcere. Adesso, Elvira – che si è sottoposta agli interrogatori presso la procura di Palermo – ha chiesto scusa al presidente della Repubblica, dicendosi disponibile a mettersi in ginocchio. E giustificandosi anche con il clima che si respirava in quei giorni.

La spiegazione del messaggio d’odio contro Mattarella

La signora Elvira individua come principali responsabili del suo personale messaggio d’odio Beppe Grillo e Alessandro Di Battista che, in quelle ore, hanno dato il meglio (?) di sé per mettersi in contrapposizione con la decisione di Sergio Mattarella: «Era un periodo molto caldo, in cui gli animi erano surriscaldati da alcuni parlamentari dei Cinque Stelle di cui ero simpatizzante – si legge nel verbale che Salvo Palazzolo di Repubblica ha potuto consultare -. Mi sono lasciata contagiare stupidamente da questi fatti. Io che sono madre, nonna, amante della pittura e degli animali».

Una indicazione molto precisa, che molto spiega sui tanti messaggi di odio che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è trovato a subire. Messaggi che si sono rigirati contro la stessa signora Elvira: quest’ultima, infatti, è entrata nel mirino di chi, pensando di difendere il Capo dello Stato, l’aveva attaccata con ingiurie altrettanto gravi e che hanno costretto la 68enne a chiudere il suo profilo sui social network.