Le chiese di Roma ignorano i migranti e non ascoltano l’appello di Papa Francesco

di Redazione | 31/08/2017

roma chiese migranti

Secondo quanto riporta oggi il Messaggero meno del 10 per cento delle 332 parrocchie di Roma ha seguito l’appello di Papa Francesco di aprire le proprie porte all’accoglienza dei migranti.

LEGGI ANCHE > GLI ITALIANI VANNO SEMPRE MENO IN CHIESA: A MESSA SOLO UNO SU 4

Secondo la Caritas vi sono tre tipi di circuiti. Il primo, con 104 richiedenti asilo (64 uomini 50 donne), ospita con il Comune in due centri: uno ad Acilia, l’altro sulla Tuscolana in SPRAR. Il secondo prevede invece una ventina tra mamme e bimbi, accolti grazie al lavoro della prefettura. Sono persone appena sbarcate per cui si sono attivate 15 parrocchie. Il terzo circuito prevede l’ospitalità di una sessantina di persone una volta che si è chiuso il percorso in uno Sprar, dopo un anno. Si tratta di accoglienza pure senza alcuna convenzione economica. In totale – facendo un breve calcolo – gli ospiti stranieri della Caritas a Roma si aggirerebbero intorno a 191 persone.

Gli appelli di Papa Francesco risultano quindi così ampiamente disattesi. Eppure conventi vuoti e strutture alloggiative libere ce ne sarebbero a iosa. Francesca Giansoldati nel suo pezzo su Il Messaggero ricorda cosa accadde l’anno scorso, quando il Papa invitò le famiglie ad accogliere un migrante in casa: solo tre nuclei raccolsero l’invito.

(ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

 

TAG: Caritas