«Pa pa pa santilli» e l’orrore de Lo Zoo di 105 che non ha imparato nulla da Tiziana Cantone

di Gaia Mellone | 08/02/2019

  • Nella giornata di ieri è diventato virale su Whatsapp l'audio di una ragazza siciliana, in cui descriveva un atto sessuale

  • Il messaggio è stato poi campionato da Lo Zoo di 105 con una base dei Queen, rendendo ancora più virale il «pa pa pa santilli»

  • La redazione ha commesso una leggerezza imperdonabile dando risalto mediatico, con beffa, ad un evidente caso di revenge porn

Nuovo caso di revenge porn, perché di questo si tratta, e di occasione mancata per tacere. L’audio della ragazza siciliana, inviato chiaramente al fidanzato in un momento intimo, è rimbalzato sui gruppi di whatsapp di tutti Italia diventando famoso come «pa pa pa santilli», una frase che la ragazza dice spesso. Se già di per sé non sembra abbastanza condannabile che un messaggio vocale privato venga dato in pasto a chicchessia, il fatto si è aggravato dalla diffusione amplificata. Lo Zoo di 105 ha infatti campionato il messaggio vocale con una base che andasse allo stesso ritmo delle parole pronunciate dalla giovane. E cosi facendo, ha definitivamente segnato la vita della ragazza.

«Pa pa pa santilli»: la storia dell’audio privato dato in pasto ai bulli

La colpa originale ovviamente è del fidanzato o compagno, il destinatario del messaggio. Magari per fare il bullo con gli amici lo avrà inoltrato, dando il via ad un effetto donino che, come insegnano molti fatti di cronaca come quello di Tiziana Cantone, può avere esiti tragici. Pare giri anche un secondo audio della vittima, che si lamenta in lacrime con un’amica di quanto è successo: «Ha detto che lo ha inviato per scherzo nel gruppo dei suoi amici. Da questo gruppo è arrivato in un altro e in un altro ancora, tanto che io stessa l’ho ricevuto da un’altra persona. All’inizio pensavo fosse uno scherzo ma adesso quel messaggio vocale mi sta segnando la vita –continua la ragazza piangendo – Qualcosa devo fare con questa persona. Questo è cyberbullismo». Perché oltre ai suoi audio nei gruppi di Whatsapp sono finite anche sue fotografie e il suo nome. Tanto che la ragazza ha dovuto cancellarsi dai social network per non essere perseguitata.

Il ruolo svolto da Lo Zoo di 105 dimostra che abbiamo un problema

Il messaggio è diventato virale, perché si sa, tutti pubblicamente condanniamo queste cose ma poi vogliamo andarle a vedere o sentire. I più golosi hanno sicuramente gongolato nella giornata di ieri: tra gli audio della siciliana e il video del calciatore Thereau, i gruppi di Whatsapp avranno dato il meglio di sé. Condannabile, ma comunque privato. Fino a quando non deve essere arrivato alle orecchie della redazione  della stazione radio Lo Zoo di 105. Sicuramente nota per avere spesso toni sopra le righe ma divertenti, stavolta ha davvero esagerato. Non solo ha dato risalto alla notizia dell’audio, ma lo ha campionato creando una canzone: la base è quella dei Queen, e la voce è quella della giovane. Una goliardiata? no, se questo viene ascoltato da migliaia di persone. Trattare con superficialità e con tanta leggerezza un evidente caso di revenge porn, di cyberbullismo e di diffamazione  non può passare inosservato. È ancora vivo il ricordo di Tiziana Cantone, che si suicidò dopo che un suo video venne diffuso dall’ex sempre su Whatsapp e ottenne un risalto mediatico nazionale. Ma non c’è solo Tiziana: sono tantissimi i casi di ragazze che si ritrovano gettate nella fossa dei leoni da tastiera. E guai a dire “se l’è cercata”: essere padrone della propria sessualità e decidere di condividerla con chi è vicino non significa essere pronte ad affrontare la gogna pubblica. E se questo la redazione de Lo Zoo di 105 non l’ha capito, allora il problema è ancora più serio.

(credits immagine di copertina: uno screen degli audio su whatsapp)