La campagna no-vax dell’ultradestra: bomba carta e manifesti davanti alla sede vaccinale di Bergamo

di Gianmichele Laino | 02/06/2017

no-vax ultradestra

Una serie di manifesti dai toni inquietanti e persino un piccolo ordigno già esploso. È questa la scena che si sono trovati di fronte i dipendenti della sede vaccinale di Ponte San Pietro, a una manciata di chilometri da Bergamo. La firma è del MAB, il manipolo d’avanguardia, un movimento di estrema destra che si è schierato da sempre su posizioni no-vax.

LEGGI ANCHE: «Le minacce di morte a Roberto Burioni su Facebook»

CAMPAGNA NO-VAX ULTRADESTRA

Nel mirino c’è il ministro Beatrice Lorenzin, ritratta nei manifesti con una grande siringa in mano mentre viene circondata da zombie. In un altro volantino, invece, si legge: «Per il progresso scientifico. Contro la dittatura medica. Per la libertà di scelta vaccinale». In più, ad annerire il pavimento, c’è anche un ordigno rudimentale già esploso, una bomba carta o una torcia con chiodi. Un clima da vera e propria intimidazione, se si aggiunge che la stessa scena si è riproposta anche a qualche chilometro di distanza, davanti alla sede vaccinale di Sant’Omobono.

Gli episodi sono stati confermati anche dall’assessore alla Sanità della Regione Lombardia, Giulio Gallera, che ha dichiarato: «Sui vaccini si stanno superando i limiti, invito tutti ad abbassare i toni. La mia solidarietà va al ministro Lorenzin per i gravissimi atti intimidatori avvenuti la scorsa notte». Atti intimidatori che fanno il paio con le minacce al giornalista di Repubblica Paolo Berizzi e a quelle rivolte via social network al virologo del San Raffaele Roberto Burioni. 

Il movimento di estrema destra che ha portato avanti l’azione ha manifestato, attraverso i propri canali d’informazione, una particolare sensibilità alle tematiche no-vax. Il gesto dimostrativo – si legge sul loro sito web – non sarebbe un atto terroristico, ma una «una fragilissima fiamma dalla luce pura per illuminare a giorno questa ‘dittatura democratica’ senza consenso popolare».