«Michael Schumacher ha lesioni cerebrali diffuse»

di Alberto Sofia | 30/12/2013

Schumacher migliorato

Le condizioni di Michael Schumacher restano ancora critiche, molto gravi. Questo l’esito del secondo bollettino medico, comunicato alle 11, sullo stato di salute del sette volte iridato di Formula Uno. Ricoverato all’ospedale di Grenoble (in Francia) dopo essere caduto sugli sci sulle nevi di Meribel, Schumacher era stato operato ieri sera per un trauma cranico, dopo aver urtato contro le rocce mentre sciava fuori pista: «Ha lesioni cerebrali diffuse. Si trova in coma farmacologico artificiale: i trattamenti effettuati cercano di limitare il problema dell’edema cerebrale e la pressione sul cervello. Ma è troppo presto per fare prognosi»,  ha spiegato Marc Penaud, direttore dell’ospedale di Grenoble. «Stiamo monitorando il decorso, è difficile dare risposte. Non possiamo ancora pronunciarci sulle possibilità di sopravvivenza. Senza casco non sarebbe arrivato vivo. Al momento, poi, non sono previsti altri interventi», hanno spiegato i medici.

Michael Schumacher coma 12

Secondo il quotidiano tedesco Bild, il pilota sarebbe stato sottoposto nella notte a una seconda operazione: a causa del peggioramento delle condizioni di salute, i medici hanno praticato dei fori nel cranio di Schumacher, in modo da alleggerire la pressione sul cervello, perché la situazione sarebbe peggiorata. Il quadro clinico resta critico per l’emorragia cerebrale, avvenuta nonostante il casco protettivo indossato dallo sportivo.

MICHAEL SCHUMACHER IN COMA: LE REAZIONI – La notizia dell’incidente di Michael Schumacher continua a rimbalzare tra le maggiori testate internazionali. Non soltanto la Bild, che fornisce un resoconto dettagliato ai propri lettori sulle condizioni del sette volte campione di Formula Uno, riportando anche la notizia della seconda operazione.

Michael Schumacher coma 2

 

Ma anche il francese Equipe e lo spagnolo Marca, tra le tante:

Michael Schumacher coma

 

Michael Schumacher coma 13

 

Tutti sottolineano come Schumacher si trovi ancora in condizioni gravi e come i medici non abbiano ancora voluto pronunciarsi sul suo destino.

MICHAEL SCHUMACHER IN COMA: GLI ALTRI INCIDENTI – Non è la prima volta che Michael Schumacher si trova in condizioni di salute critiche. Già in passato fu vittima di pericolosi incidenti, mentre gareggiava in Formula Uno. E non solo. Almeno in due occasioni lottò per la vita. La prima volta l’11 luglio del 1999, quando, durante il Gran Premio di Silverstone, nel Regno Unito, si scontrò a bordo della Ferrari a una velocità superiore ai 100 chilometri orari contro le barriere di protezione. A causare l’incidente fu un guasto ai freni: Schumacher si fratturò tibia e perone della gamba destra, restando lontano dai circuiti automobilistici per 97 giorni.

Riuscì però a cavarsela. Proprio come fece dieci anni dopo, a Pamplona, l’11 febbraio 2009, cadendo durante una prova con una due ruote da Superbike sul circuito di Cartagena, vicino la città spagnola di Murcia. In quell’occasione riportò alcune microfratture, tra la zona della testa e della nuca, che gli fecero perdere il ritorno in Ferrari, al posto di Massa fino al termine del Mondiale di Formula Uno.

LE REAZIONI DEL MONDO DELLO SPORT – La notizia dell’incidente di Michael Schumacher, ancora in gravi condizioni, ha sconvolto il mondo dello sport. Diversi piloti di Formula Uno e campioni di diverse discipline hanno mandato messaggi di solidarietà: dal campione mondiale Sebastian Vettel, passando per Felipe Massa, fino ad Alessandro Del Piero.

 

 

(foto di copertina: Bildbyran via ZUMA Wire)