L’account di Maria Cafagna che non è un fake di Mara Carfagna

di Gaia Mellone | 29/08/2019

L'account fake di Maria Cafagna che non è un fake
  • Su Twitter esistono molte pagine fake che fanno satira sotto nomi storpiati dei politici

  • Il giornalista di rai News si è imbattuto in "Maria Cafagna" pensando fosse un fake di "Mara Carfagna"

  • Invece Maria Cafagna è una persona in carne ed ossa

Gli elementi per cadere nel tranello ci sono tutti: la somiglianza fisica, la somiglianza del nome, i post che parlano di politica. Ma Maria Cafagna non è un account fake di Mara Carfagna: la smentita ufficiale dopo il commento del giornalista di Rai News.

LEGGI ANCHE > Gli sceneggiatori e fumettisti di Topolino rispondono a Salvini: «Noi ci siamo sempre, lui non più»

L’account di Maria Cafagna che non è un fake di Mara Carfagna

L’argomento era la sospensione da parte di Boris Johnson del Parlamento Inglese, approvata dalla Regina. Una storia che ha scatenato, come tante altre, una certa ironia sui social, invasi da meme sulla Regina Elisabetta. Rai News, raccontando il fatto e mostrando alcune di queste immagini, si è imbattuta nel profilo di una ragazza mora chiamata “Maria cafagna”. «Sono tanti gli account fake, in questo caso è quello della coordinatrice di Forza Italia» dice il giornalista mostrando il tweet dove si vede una foto di Sergio Mattarella insieme alla Regina Elisabetta con la didascalia ironica “La vita è una festa Elisabetta, viviamola insieme”. Peccato però che la simpatia di Maria Cafagna, che ha tracciato un parallelismo tra la crisi italiana e quella inglese, non sia frutto di una strategia da pagina parodia: si chiama davvero così, e davvero somiglia un po’ a Mara Carfagna.

Perdonato il giornalista un po’ frettoloso, la giovane ha condiviso sul suo profilo il video in cui è stata accusata di essere un fake, dando la sua «secca smentita». «Non sono l’account fake di Mara Carfagna – twitta dalla sua pagina dove nella descrizione chiarisce “da non confondere con la più famosa Mara” – però quante emozioni: grazie @RaiNews, grazie Servizio Pubblico».