La bufala di Carola Rackete che chiede solidarietà per l’americano bendato

di Redazione | 30/07/2019

Carola Rackete

Non c’è più la capacità di discernere tra ciò che è vero e ciò che è falso. Capita, dunque, che una fotografia diffusa da un account parodia di Carola Rackete, la capitana della nave Sea Watch, venga scambiato per un documento vero. E trattato di conseguenza. Invece, si tratta di una bufala clamorosa.

LEGGI ANCHE > Carola Rackete: «Io ricca? È una bufala sovranista»

Carola Rackete, la bufala della solidarietà all’americano bendato

«Vi ringrazio per tutta la vostra solidarietà all’iniziativa #freenipplesday. Oggi mi appello nuovamente a voi affinché anche oggi #facciamorete. Allora propongo per tutti voi massima solidarietà a Finnegan Lee Elder umiliato e abusato dai fascisti italiani» – si legge su Twitter, in una frase pubblicata dall’account Carola Rackette

Che sia un falso lo si capisce anche dal nome scorretto (il nome vero della capitana della Sea Watch si scrive con una sola t), oltre che dalle inesattezze contenute nel tweet. Il ragazzo americano bendato è Gabriel Natale Hjorth e non Elder Lee. Il post è scritto in maniera volutamente provocatoria, con l’utilizzo dell’hashtag #freenipplesday (la manifestazione lanciata per solidarietà nei confronti della Capitana della Sea Watch, criticata per essersi presentata in procura ad Agrigento senza reggiseno) e con quello dei #facciamorete.

Tutte le inesattezze nel fotomontaggio di Carola Rackete con la benda

Inoltre, si vede in maniera evidente che la fotografia di Carola Rackete con la benda sugli occhi altro non è che un fotomontaggio. Eppure, ci sono stati diversi utenti che hanno iniziato a segnalare le frasi della pseudo-Carola Rackete, taggando anche politici come Giorgia Meloni e Matteo Salvini affinché potessero intervenire per bloccare lo «scempio».

Carola Rackete non ha un account Twitter ufficiale e non ha mai fatto dichiarazioni in merito a quanto accaduto in Italia, con la morte del carabiniere Mario Cerciello Rega per mano di due giovani statunitensi. Non si capisce, inoltre, perché dovrebbe intervenire su una tematica del genere. Qualsiasi circostanza di questo genere che circola in rete, sappiatelo, è sbagliata.