Burioni sul servizio delle Iene: «Ho dato mandato a un avvocato per ristabilire la verità»

di Redazione | 12/06/2020

confronto tra Burioni e Le Iene

L’11 giugno, Le Iene hanno mandato in onda un servizio su Roberto Burioni, in cui si faceva riferimento – attraverso un’intervista al presidente del Codacons Carlo Rienzi – a un presunto conflitto d’interessi del virologo del San Raffaele nel corso dell’emergenza coronavirus. Si parlava, infatti, dello studio sugli anticorpi monoclonali che il professore studia da tempo, proposto come possibile terapia contro il coronavirus, e di alcune sue consulenze sui vaccini presso case farmaceutiche. Roberto Burioni si era già difeso dalle accuse all’indomani della messa in onda della trasmissione, ma oggi ha annunciato che inizierà una vera e propria battaglia legale.

LEGGI ANCHE > Le Iene, il ‘conflitto d’interessi’ di Burioni e la replica del virologo

Burioni azioni legali dopo il servizio de Le Iene

«È stata messa in discussione la mia professionalità e sono stato accusato di conflitti di interesse su una malattia gravissima – ha scritto Burioni in un post su Facebook -, che ha portato lutto e dolore agli italiani. In tutto questo, pensate che non sono stato nemmeno interpellato. Se l’inviato delle Iene lo avesse fatto sono certo che si sarebbe reso conto della verità e quel servizio non sarebbe andato in onda». Tra l’altro, nel suo intervento successivo alla messa in onda del servizio delle Iene, Burioni aveva ricordato come produrre anticorpi monoclonali sia il suo lavoro, ma che nessuno di questi anticorpi è di sua proprietà, men che meno quelli che potrebbero essere utilizzati contro il coronavirus. 

Il concetto è stato ribadito anche nel post di questa mattina, in cui Burioni annuncia l’inizio della battaglia legale che lo vedrà protagonista: «Mi sono rivolto all’avvocato Fabio Anselmo – ha detto – per chiedergli un’unica e per me fondamentale cosa: ristabilire la verità. L’avvocato ha accettato il mio mandato e lo ringrazio di cuore. Ho accettato tante critiche. Questa, tuttavia, la percepisco fortissimamente ingiusta». Occorrerà valutare, adesso, quali saranno le parti in causa in questa azione legale affidata all’avvocato Anselmo. Nei giorni scorsi, Burioni aveva annunciato di prendersi una pausa dai media, soprattutto da quelli televisivi. Anche i suoi interventi sui social network, in questa fase, saranno meno numerosi del solito. Tuttavia, per l’annuncio delle azioni legali sul servizio de Le Iene, Burioni ha utilizzato proprio Facebook.