No, Luciano Vangone non riceverà tutti i soldi del bonus Cura Italia

di Redazione | 01/04/2020

bufale Luciano Vangone

Come tante altre cose al centro di questo periodo terrificante per la storia dell’umanità, anche la diffusione di dati personali di utenti inconsapevoli emersa nella navigazione sul sito dell’Inps (necessaria per fare domanda del bonus da 600 euro per le partite iva e i lavoratori autonomi) è senza precedenti. Va da sé che la reazione della rete – anche questo un unicum – è ancora una volta imprevedibile. Se potevamo aspettarci meme su Luciano Vangone (il profilo comparso nelle ricerche di molti utenti che hanno fatto domanda per il bonus), sono bastate poco più di due ore per scrivere una serie di bufale Luciano Vangone su quanto è accaduto questa mattina.

LEGGI ANCHE > Perché il sito dell’Inps non funziona

Bufale Luciano Vangone: il falso comunicato dell’Inps

Innanzitutto: non è vero che Luciano Vangone percepirà l’equivalente di tutte le richieste che sono state fatte al sito dell’Inps da parte dei vari utenti che volevano accedere al bonus. Un falso comunicato stampa dell’Inps – diffuso probabilmente a scopo goliardico – è stato preso sul serio da alcuni utenti. Nel finto comunicato stampa si legge: «Per un errore del server, tutte le richieste da 600 euro verranno inoltrate al signor Luciano Vangone, che ne sta ricevendo a un ritmo di 100 al secondo. Pertanto, si prega di inviare il proprio Iban al signor Luciano Vangone il quale, ha assicurato, si farà carico di suddividere l’importo con tutti i richiedenti».

Bufale Luciano Vangone: il pericoloso scambio di persona

Ovviamente si tratta di una bufala che ha talmente del surreale da non aver bisogno di ulteriori commenti. Altra avvertenza riguarda la presenza di Luciano Vangone su Facebook: in questo momento, stanno arrivando tantissime richieste a un giovane infermiere del napoletano, omonimo della persona iscritta sul sito dell’Inps. Sul suo profilo personale ha già specificato di non essere lui il Luciano Vangone del sito dell’Inps, ma su diversi social network si sta associando la sua immagine social al nome della persona diventata improvvisamente famosa suo malgrado. Anche questo aspetto è carico di conseguenze.

TAG: Inps