Barbara D’Urso: «Ho sempre votato PCI, ero pazza di Bertinotti e ora voglio Sanremo»

di Redazione | 20/06/2019

Barbara D'Urso
  • Barbara D'Urso ha svelato la sua appartenenza politica a livello ideologico

  • Ha votato per il PCI, ha fatto campagna per Veltroni e adorava Bertinotti

  • Ora sogna di fare il Festival di Sanremo

Il momento per fare coming out politico in questa direzione non è proprio l’ideale, soprattutto se si ha l’intenzione – dichiarata subito dopo – di voler condurre il Festival di Sanremo. Ma a Barbara D’Urso, come sempre, non manca il coraggio. Così, nell’intervista rilasciata a Repubblica al termine della stagione dei suoi programmi su Mediaset, la conduttrice che – insieme a Maria De Filippi – è la regina incontrastata delle televisioni di Silvio Berlusconi a prendere l’iniziativa e a svelare le sue passioni politiche.

LEGGI ANCHE > La (non) sorpresa: Marco Carta racconterà «la sua verità» da Barbara D’Urso

La militanza politica di Barbara D’Urso

Del resto, per una donna che ha 62 anni, le stagioni sempre più frenetiche delle nostre istituzioni sono state tante da attraversare. Sia chiaro: non per l’età di Barbara D’Urso, ma perché la nostra politica ha vissuto cicli sempre più rapidi. «Ho sempre votato per il PCI e questo Berlusconi lo sa benissimo – ha detto Barbara D’Urso a Repubblica -: adoravo Berlinguer. Ho fatto attivamente campagna elettorale per Veltroni. Il padre dei miei figli, Mauro Berardi, era di Rifondazione: ero pazza di Fausto Bertinotti».

Il sogno nel cassetto di Barbara D’Urso: «Voglio fare Sanremo»

La militanza che non ti aspetti, insomma. Anche perché la D’Urso, ultimamente, ha concesso spazi ampi a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio (prima ancora lo aveva fatto con Matteo Renzi). Ma il suo segreto è proprio questo: mettere al primo posto ciò che televisivamente funziona, al di là delle proprie preferenze. Del resto, non aveva concesso spazio al leader del Carroccio sulle famiglie arcobaleno, dicendogli in faccia quello che pensava e che era in forte disaccordo con la partecipazione del ministro dell’Interno al Congresso delle Famiglie tradizionali a Verona.

«Tanti politici sono stati miei ospiti – afferma la D’Urso -: Pannella, Boldrini, Gentiloni, Letta, Bonino. Non soltanto Salvini, Berlusconi e Di Maio. Io cerco di mettere tutti a loro agio». Ora, però, oltre alla tv del pomeriggio – e all’esperimento vincente di Non è la D’Urso in prima serata – la conduttrice punta al bottino grosso, con tanta sicurezza: «Sanremo lo voglio fare. Tanto c’è tempo. Sono piccola».

(Credit Image: © Matteo Nardone/Pacific Press via ZUMA Wire)