Susanna Ceccardi
|

Susanna Ceccardi irride chi canta «Bella ciao» contro CasaPound | VIDEO

Susanna Ceccardi ha irriso sul suo profilo Facebook le persone che hanno cantato «Bella ciao» contro CasaPound. Una provocazione sciocca del sindaco leghista di Cascina, ripetuta due volte sul suo profilo Facebook. Prima Ceccardi, replicante delle tesi anti migranti di Salvini in diversi talk show, ha preso in giro chi ha cantato il brano simbolo della Resistenza per stigmatizzare un banchetto di un’organizzazione di estrema destra, il cui leader, Di Stefano, rivendica il fascismo come giustifica l’alleanza tra Mussolini e Hitler.

SUSANNA CECCARDI IRRIDE CHI CANTA BELLA CIAO CONTRO CASAPOUND | VIDEO

«Ex assessori, ex consiglieri pd, addirittura un ex vicesindaco oggi sul corso a cimentarsi con le prove canore. E si domandano ancora perché hanno perso le elezioni!». Dopo aver pubblicato il video e questo sciocco commento, che derubrica un gesto antifascista a una prova canora, Susanna Ceccardi ha dato prova di ulteriore confusione scrivendo un post contro chi disturba il Natale con provocazioni ideologiche. Probabilmente non si è accorta che CasaPound è stata molto vicina a Matteo Salvini, tanto che avevano formato un partito assieme. Sovranità, per correre nelle zone del Centro e Sud Italia dove la Lega prende percentuali molto più basse rispetto al Nord. «A Cascina diamo la concessione di suolo pubblico a CHIUNQUE chieda il permesso, purché lo faccia nei tempi e nelle modalità previsti dal regolamento. NON chiediamo nessun certificato ideologico e non diamo patenti di democrazia a nessuno.  Stamani c’era un gazebo di Casapound e davanti si sono assiepati una decina di comunisti (tra cui l’ex vice sindaco della giunta Antonelli e alcuni ex consiglieri del pd), cantando bella ciao e alzando il pugno chiuso.  Per me sul corso possono manifestare tutti: fascisti, comunisti, filo napoleonici, filo ostrogoti o chiunque si riconosca in ideologie sepolte dalla storia.  Vi chiedo solo un favore: potete farlo evitando il periodo natalizio e i mercatini di Natale dove la gente vorrebbe fare soltanto una passeggiata in tranquillità senza sentirsi catapultata in un film ambientato nel 1945? Grazie». 

 

LEGGI ANCHE > IL LEADER DI CASAPOUND DI STEFANO GIUSTIFICA L’ALLEANZA CON HITLER: «NON SI SAPEVA DELL’OLOCAUSTO»

Parole fuoriluogo, che danno pari peso all’antifascismo e alla rivendicazione del fascismo, come disturbi all’atmosfera natalizia. Forse Susanna Ceccardi, vista la sua militanza nella Lega Nord, si dovrebbe preoccupare dei motivi per cui Silvio Berlusconi superi chiaramente Matteo Salvini nei consensi. L’aver giocato con i fascisti rappresenta un problema per molti elettori.

Foto copertina: profilo Facebook di Susanna Ceccardi

TAG: Casapound