Il premio a Dj Fabo che non c’è più. Cappato: «Lui si è occupato dei vivi, non dei morti»

di Stefania Carboni | 30/11/2017

dj fabo premio

Ve lo ricordate? Vi ricordate cosa suggeriva a tutti Fabiano Antoniani prima di scegliere di andar via da questo mondo? «Non prendetemi per scemo ma devo chiedervi un favore: mettete sempre le cinture. Non potete farmi un favore più grande». Ecco. Oggi Fabiano, conosciuto da molti come Dj Fabo, ha vinto il premio per la sicurezza stradale 2017. A darne notizia è il radicale Marco Cappato, che lo accompagnò verso il fine vita. «DjFabo si è occupato dei vivi – ricorda Cappato – non dei morti, e ha vinto il premio per la sicurezza stradale 2017 per aver deciso, poco prima di morire, di raccomandare ai suoi amici di allacciarsi le cinture. Auguro ai tanti tromboni “per la vita” di saper essere altrettanto lucidi e generosi».

LEGGI ANCHE > VENETO FRONTE SKINHEAD, SKINHEAD DENUNCIATI PER VIOLENZA PRIVATA

Fabiano Antoniani aveva 39 anni. Tre anni prima di morire fu vittima di un grave incidente stradale. La notte del 13 giugno 2014 l’auto su cui viaggiava uscì di strada. Da quel botto il ragazzo si svegliò cieco e tetraplegico. Nonostante la miriade di cure e terapie fatte non migliorava. Era intrappolato. Al buio. Per sempre. Dj Fabo ha lottato per chiedere una legge, quella sul biotestamento, bloccata ancora in Senato. Ha fatto una scelta estrema, lui che amava la vita, ma non quelle condizioni che lo rendevano prigioniero di sé stesso. Prima di premere quel bottone per attivare il farmaco svizzero che lo avrebbe portato via per sempre è riuscito a dire una frase, da solo. Quella che oggi gli ha valso un premio postumo. «Mettete sempre le cinture. Non potete farmi un favore più grande».