Checco Zalone
|

Checco Zalone si separa dal suo regista Gennaro Nunziante

Checco Zalone si separa da Gennaro Nunziante. La coppia artistica di maggior successo del cinema italiano negli ultimi anni si separa. A quanto risulta al settimanale Chi l’attore e il regista non lavoreranno più al nuovo film di Checco Zalone, il cui copione è già stato ultimato. La data di uscita della pellicola è prevista per l’inizio del 2019, come già verificatosi per il fortunatissimo “Quo Vado?”, arrivato nei cinema a partire dal 1° gennaio 2016.

Checco Zalone senza il suo regista Gennaro Nunziante nel nuovo film

“Quo Vado?” dovrebbe essere l’ultimo film di Chezzo Zalone diretto da Gennaro Nunziante, regista e autore di tutte le precedenti pellicole dell’attore pugliese. Anch’egli di Bari, Nunziante ha firmato il primo “Cado dalle nubi”, e poi diretto Zalone in “Che bella giornata” e “Sole a catinelle”. Pellicole che insieme a “Quo Vado?” hanno conquistato il pubblico italiano.  “Cado dalle nubi” è stato un esordio molto fortunato con più di 14 milioni di euro di incassi, mentre i successivi tre film della coppia Zalone e Nunziante hanno strappato tutti i record o quasi.

LEGGI ANCHE > MARIA ELENA BOSCHI E LA FOTO FAKE AL FUNERALE DI TOTÒ RIINA

“Quo Vado?” è il secondo film di sempre per incassi, dietro ad Avater di poche centinaia di migliaia di euro, anche se ha totalizzato più spettatori dell’opera di James Cameron, 65 milioni e quasi 700 mila euro la pellicola americana e 65 milioni 300 mila euro quella di Zalone. Il terzo film con i maggiori incassi di sempre è “Sole a catinele” con più di 51 milioni di incassi, mentre il sesto è “Che bella giornata” con quasi 44 milioni di euro. Il connubio artistico tra l’attore e il regista pugliesi ha avuto un successo clamoroso, ma i due, come spiega Chi, ora si separano. Gennaro Nunziante dirigerà il primo film senza Checco Zalone protagonista.  La pellicola si chiama “Il Vegetale” e avrà come attore principale Fabio Rovazzi. Checco Zalone inve ha completato il primo film senza l’aiuto di Nunziante.

Foto copertina: Simone Kuhlmey/Pacific Press via ZUMA Wire)