Rakitic
|

Il commovente messaggio del calciatore del Barcellona per Buffon: «Gioca tu i mondiali al posto mio» | VIDEO

Il centrocampista del Barcellona e della Croazia Ivan Rakitic ha rivolto un commovente messaggio a Gianluigi Buffon. In vista della sfida di questa sera tra Juventus e Barcellona, valida per il girone di Champions League, il centrocampista ha rivolto parole al miele per l’ormai ex portiere della nazionale italiana: «Buffon è la storia del calcio. Le sue lacrime dopo Italia-Svezia hanno fatto piangere tutti, me compreso. Se potessi, gli cederei volentieri il mio posto per permettergli di disputare il suo ultimo mondiale».

LEGGI ANCHE > Il toccante saluto di Iker Casillas a Gianluigi Buffon in lacrime

RAKITIC, PAROLE AL MIELE PER BUFFON: GUARDA IL VIDEO

Parole davvero toccanti, che sono state prontamente sottolineate dai principali media sportivi italiani. Ivan Rakitic, poi, ha continuato la sua dichiarazione sottolineando come «giocare contro Buffon è sempre una grande esperienza. Spero che non si ritiri per avere altre occasioni di giocare contro di lui».

Le dichiarazioni sono state apprezzate moltissimo dal portierone della Juventus che ha subito risposto attraverso i suoi canali social: «Forse, è meglio che io non giochi a centrocampo al tuo posto. Scherzi a parte, le tue parole sono state un bellissimo dono: ringrazio te e Jordi Alba (altro calciatore che aveva commentato con amarezza l’esclusione di Buffon dal mondiale, ndr). La mia maglietta vi sta aspettando».

Insomma, il mondo del calcio si specchia nel FairPlay di un calciatore come Rakitic che ha dimostrato, in questa circostanza, un rispetto davvero fuori dal comune per un collega molto più esperto. L’unica voce fuori dal coro è quella di Ciro Ferrara, ex difensore di Juventus e Napoli, ora commentatore Mediaset Premium: «Siamo sicuri che le parole di Rakitic siano sincere? Io, col cavolo che avrei lasciato il mio posto al mondiale a un altro calciatore». Ma – vi assicuriamo – c’è ancora chi si illude che il calcio sia uno sport dove, di fronte alle leggende, i più giovani possano ancora far brillare i loro occhi.