Iene
|

David Rossi, i giornalisti suonano la sveglia per la procura di Siena: aperti due nuovi fascicoli sulla morte del manager Mps

Una (parziale) vittoria dell’informazione e un’amara constatazione. Non è possibile che in Italia siano i giornalisti a dover spiegare ai magistrati come condurre un’indagine. Fatto sta che, dopo i servizi de Le Iene e l’intervista di Repubblica all’avvocato di famiglia Luca Goracci, la procura di Siena ha aperto due nuovi fascicoli sul caso della morte di David Rossi, il manager del Monte dei Paschi di Siena trovato cadavere in vicolo di Monte Pio, precipitato misteriosamente dall’edificio di proprietà dell’istituto di credito senese.

LEGGI ANCHE > David Rossi, secondo voi questo è un suicidio? | VIDEO

DAVID ROSSI APERTURA FASCICOLI, I NUOVI ELEMENTI

Per ben due volte, in passato, il fatto era stato archiviato come suicidio. Oggi, però, nuove incongruenze emerse nelle indagini e nuove rivelazioni da parte di persone informate sui fatti potrebbero far cambiare lo scenario. I fascicoli aperti dalla procura di Siena seguono il cosiddetto modello 45, ovvero quello che non configura elementi di reato: serviranno a interpellare diversi testimoni per capire se ci sono gli estremi per riaprire nuovamente le indagini.

In modo particolare, verranno ascoltati l’avvocato di Antonella Tognazzi (moglie di David Rossi), Luca Goracci, che ha raccontato di un misterioso testimone – presentatosi come Antonio Muto, ma non identificabile con l’imprenditore al momento agli arresti domiciliari – che avrebbe avuto, la sera del 6 marzo 2013 (data della morte di David Rossi) un appuntamento con lo stesso manager Mps alle 18: presentatosi in ritardo, tuttavia, avrebbe trovato David Rossi già morto e sarebbe stato assalito da quattro persone che, stando al suo racconto, avrebbero anche sparato un colpo di pistola.

In più, verrà ascoltata anche Lorenza Pieraccini, una segretaria dell’amministratore delegato Mps Viola che ha confermato, ai microfoni de Le Iene, che Viola non poteva non aver letto la mail, speditagli da David Rossi qualche giorno prima della morte, che aveva in oggetto la parola help e il cui testo era stavolta mi suicido sul serio. La Pieraccini, prima di questo momento, non era mai ascoltata dalla procura, nonostante i resoconti dei magistrati senesi affermassero il contrario.

DAVID ROSSI APERTURA FASCICOLI, C’È ANCHE L’INDAGINE DELLA PROCURA DI GENOVA

In più, c’è l’indagine della procura di Genova che sta lavorando all’indomani delle dichiarazioni dell’ex sindaco di Siena Pierluigi Piccini sui «festini tra l’Aretino e il mare» che avrebbero pesantemente condizionato il lavoro dei magistrati della procura di Siena. Inoltre, i pm genovesi ascolteranno le testimonianze dell’ex presidente Mps Giuseppe Mussari, dell’ex ad Fabrizio Viola, del segretario di Mussari Valentino Fanti, dei due che hanno lanciato l’allarme dopo la caduta di David Rossi dalla finestra (Bernardo Mingrone e Carlo Filippone), di Antonio Degortes (figlio del famoso fantino Aceto) e della stessa Antonella Tognazzi. Si indaga, in questo caso, per abuso d’ufficio.

DAVID ROSSI APERTURA FASCICOLI, L’ESPOSTO AL CSM

Inoltre, pende sempre la richiesta di Pierantonio Zanettin, membro del Csm in quota Forza Italia, di invitare il comitato di presidenza del Consiglio superiore della magistratura ad aprire una pratica sui magistrati senesi che hanno condotto le inchieste su David Rossi, al fine di valutare una loro eventuale incompatibilità.