|

Elezioni in Sicilia, Pif: «Per non lamentarsi dopo, sarebbe bello votare bene prima» | VIDEO

Elezioni in Sicilia: appena aperte le urne, Pif ha caricato un video su Twitter. Il conduttore, attore e regista palermitano ha scritto: «Dalle americhe…», riprendendosi mentre legge sul New York Times un articolo sul voto siciliano. «Perfino il New York Times parla delle elezioni siciliane. Et voilà!», dice Pif mostrando l’articolo. «Certo – osserva l’attore e regista palermitano – per evitare di lamentarsi dopo, sarebbe bello votare bene prima, per evitare figuracce con rappresentanti indegni».

Lancia così un appello generico, senza sbilanciarsi in alcun modo. A buon intenditor, poche parole, ma Pif l’ha detto: dei candidati parlerà solo a urne chiuse. Non perché abbia paura di prendere posizione. «Le persone che ci mettono la faccia mi possono fare solo simpatia», ha commentato qualche settimana fa all’Adnkronos, ricordando come altre volte in passato lui per primo si sia sbilanciato prima del voto.

IL RISERBO DI PIF SULLE ELEZIONI IN SICILIA, PER TUTELARE LA SUA BATTAGLIA PER I DISABILI

Per le elezioni in Sicilia il riserbo è dovuto alla battaglia sui disabili che il conduttore sta portando avanti insieme al comitato Siamo Handicappati, non cretini. Il mese scorso Pif è riuscito a far firmare a tutti i candidati per la presidenza della Sicilia il Contratto con i disabili siciliani.

«È un programma impegnativo per la Sicilia ma normale per un paese civile – ha spiegato Pif all’agenzia di stampa – Il primo a firmare è stato Fabrizio Micari, candidato del centrosinistra. Poi gli altri. Abbiamo scritto sul contratto che l’impegno va portato a compimento entro novanta giorni, ma se qualcuno mi dicesse che in 90 giorni non ce la fa lo apprezzerei anche, basta che indichino una data precisa. E questo lo dico a norme mio, personale, non del Comitato. Non vogliamo che un candidato si inventi le cose, ci interessa che le porti a termine».

La battaglia di Pif per i disabili siciliani va avanti dallo scorso marzo, quando l’attore e regista ha pubblicato il video del suo incontro-scontro con Crocetta proprio sui fondi per le persone con disabilità.