artigiano Vicenza derubato tradito
|

La giornata nera dell’artigiano di Vicenza: gli svaligiano l’appartamento e trova la moglie a letto con il vicino

C’è un articolo – scritto da Diego Neri e pubblicato su Il Giornale di Vicenza di oggi – che ha davvero dell’incredibile. Racconta la storia della giornata nera di un artigiano di 54 anni di Vicenza, che risiede in una villetta nella zona di Campedello. Nello stesso giorno si è trovato a far fronte a due bruttissime sorprese: la casa svaligiata e la moglie a letto con il vicino.

LEGGI ANCHE > L’assurda storia dei microchip nei camici dei dottori in Liguria

ARTIGIANO VICENZA DERUBATO TRADITO, LA STORIA

I due fatti risalgono a una decina di giorni fa. Intorno alle 20, l’artigiano – dopo una lunga giornata di lavoro – è rientrato nel suo appartamento e ha immediatamente riscontrato i segni di un furto con scasso. I ladri hanno portato via i gioielli di famiglia – riuscendo a forzare la cassaforte – e un armadio blindato all’interno del quale erano contenuti diversi fucili regolarmente posseduti.

La moglie dell’uomo non si trovava in casa al momento del furto e nemmeno quando il marito è rientrato dal lavoro. A quel punto, l’artigiano ha cercato di contattarla, non avendo risposta. Tuttavia, recandosi a casa del vicino per chiedergli se avesse sentito qualcosa di sospetto, ha trovato l’amico proprio in compagnia della donna, in atteggiamenti inequivocabili.

ARTIGIANO VICENZA DERUBATO TRADITO, LA NOTA LIETA

L’intervento della volante della polizia, giunta sul posto per il sopralluogo sulla scena del furto, ha evitato il peggio: nel frattempo, infatti, era scoppiata una feroce lite tra l’artigiano, la moglie e il vicino di casa. Una nota positiva, tuttavia, c’è: i carabinieri della compagnia di Camisano sono riusciti a ritrovare l’armadio blindato, in un terreno agricolo di Vancimuglio, frazione di Grumolo delle Abbadesse. Al suo interno c’erano ancora tutti i fucili che, tuttavia, non sono ancora stati riconsegnati all’uomo.

Una vicenda, insomma, che ha del paradossale e che – se confermata – sarebbe il ritratto perfetto della giornata da dimenticare. Una scena tipica di una commedia all’italiana.