annuncio lavoro sfruttamento
|

L’annuncio di lavoro shock: «Un euro all’ora per sei giorni a settimana»

«Il paradiso del pane» è in realtà un inferno per chi ci lavora. Sulle bacheche di portali di offro-cerco impiego come subito.it è comparso un annuncio shock. Un panificatore di Palermo cerca un banconista addetto alle vendite (anche prima esperienza) che possa lavorare, per sei giorni alla settimana, dalle 7.45 alle 13.45 e dalle 16.30 alle 20. La paga? 60 euro alla settimana.

LEGGI ANCHE > Il surreale annuncio di Nina Moric che cerca una domestica non bella, che non rubi i vestiti e muta

ANNUNCIO LAVORO SFRUTTAMENTO: POCO PIÙ DI UN EURO ALL’ORA

Ciò vuol dire che l’apprendista banconista andrebbe a percepire poco più di un euro all’ora, come nelle migliori tradizioni dello sfruttamento. Un annuncio che, pare, sia stato indirizzato specialmente ai giovani (a questo proposito, è emblematica la dicitura «anche prima esperienza») e che prevede che il candidato abbia frequentato la scuola dell’obbligo.

ANNUNCIO LAVORO SFRUTTAMENTO: SUL WEB DIVENTA VIRALE

La notizia, in poco tempo, ha fatto il giro del web. Il post è diventato virale perché è stato ripreso dalla nota pagina Il Signor DistruggereMarta Fana, autrice del saggio Non è lavoro è sfruttamento lo ha pubblicato un’ora dopo, mostrando su Facebook lo screenshot dell’annuncio. In poco tempo, il gestore della panetteria siciliana ha cancellato da internet la sua proposta, facendo scatenare l’ironia specialmente dei followers de Il Signor Distruggere. 

Ma la rete non perdona: screenshot e memorie cache hanno permesso di recuperare l’annuncio di lavoro che vi mostriamo anche noi. Del resto, non è la prima volta che proposte e offerte di lavoro di questo genere trovano spazio sui social network. E sono sempre le nuove generazioni – in modo particolare – a pagarne le conseguenze. Speriamo che la brutta figura social che questo imprenditore si è trovato a gestire, sia di lezione a tutti quelli che non rispettano la dignità della parola lavoro.

GLI ANNUNCI DI LAVORO PIÙ STRANI DEL WEB