Bambina di tre anni uccisa dal cane, il proprietario dell’animale è stato assolto

di Redazione | 26/10/2017

bambina uccisa

Non c’è nessun colpevole per la morte di Astrid Guarini, la bambina di tre anni di San Martino al Tagliamento (in provincia di Pordenone) che il 25 maggio 2015 perse la vita dopo essere stata azzannata da un cane. Per il giudice l’uccisione è stata una tragica fatalità. Ne parlano oggi i giornali locali.

BAMBINA UCCISA DAL CANE, ASSOLTO IL PROPRIETARIO DEL CANE

Il giudice Rodolfo Piccin ha assolto, perché il fatto non sussiste, dall’accusa di concorso in omicidio colposo, in relazione all’omessa vigilanza del cane, lo zio della bimba (Loris, il proprietario dell’animale) ed anche la mamma Maria (che era presente al momento della tragedia, e che non riuscì a difendere la piccola dall’aggressione). Astrid, che aveva compiuto tre anni da una ventina di giorni, fu aggredita nel giro di pochi istanti, nel giardino di un’abitazione di famiglia, una villetta di campagna a San Martino. Il cane, un pastore tedesco, azzannò la bambina improvvisamente, senza ragione. la piccola morì poco dopo il ricovero in ospedale. Il padre della vittima si era costituito parte civile e aveva chiesto un risarcimento di 2 milioni di euro.

(Foto: ANSA / LANCIA)