immigrati
|

L’ultima sparata di Libero sugli immigrati che «sono matti»

Dalla semplificazione o generalizzazione ad un’informazione fuorviante spesso il passo è breve. Ce lo ricorda ancora una volta il quotidiano Libero che, in un articolo a firma di Ilaria Pedrali, oggi elenca alcune ricerche sulle condizioni psicologiche degli immigrati per spiegare che secondo la scienza loro, i richiedenti asilo o i clandestini, «sono matti». Pazzi. Folli. Schizofrenici che possono anche arrivare ad uccidere.

LIBERO E GLI IMMIGRATI «MATTI»

Il giornale diretto da Vittorio Feltri indica alcuni studi condotti in Italia e all’estero per giungere ad una conclusione netta, categorica. Ma francamente eccessiva. Quelle stesse ricerche citate da Libero infaatti riguardano forme e segni di «disagio mentale» ma non forniscono una verità assoluta. L’articolo cita una ricerca condotta dal Centro Veneto Servizi di Padova e da alcuni psicologi su un gruppo di richiedenti asilo ospitati in strutture a Padova, Rovigo e in Brianza, e spiega che che «oltre la metà del campione di profughi preso in esame soffre di turbe psichiche» e che «molte di queste problematiche sono associate alla violenza».

 

LEGGI ANCHE > Due ministre svedesi denunciano di essere state molestate ai vertici Ue

 

Dell’indagine citata aveva già parlato qualche giorno fa il quotidiano Il Mattino di Padova, informando che oltre la metà del campione, il 54% dei profughi, «mostra sintomi evidenti del Disturbo post traumatico da stress (Ptsd)». «Abbiamo indagato le ferite esistenziali di queste persone – hanno fatto sapere gli autori della ricerca – cogliendo nella maggior parte di loro i sintomi di un disagio molto grave che inevitabilmente diventa terreno fertile per atteggiamenti aggressivi che portano al rifiuto dell’integrazione e nei casi più seri a una vera pericolosità sociale. Si tratta di sintomi che se trascurati possono portare a episodi psicotici di disadattamento gravi. Sono quindi dati che non possono essere sottovalutati».

Ecco. Il disagio è molto grave. E anche comprensibile, aggiungiamo noi, per chi scappa da povertà o guerre e affronta un viaggio infernale. Ma la pericolosità sociale non è scontata. E non lo sono gli atteggiamenti aggressivi che in quel disagio trovano «terreno fertile». Quello che emerge dalle parole degli autori della ricerca, effettuata su 50 persone, realizzata è che l’«alto livello di sofferenza» è «alla base» di possibili «atteggiamenti anti-sociali». Insomma, c’è un nesso di causa ed effetto. Che a Libero non piace. «Non solo sono portatori di malattie come la malaria, gli immigrati sono quindi anche pazzi», si legge tra le righe.

(Screenshot da Libero)

TAG: Libero