«Se lo taglino e se lo mangino, dateli in cura alla Boldracchia», il commento dell’assessore M5S sugli stupri di Rimini

di Redazione | 08/09/2017

Claudia Nozzetti

Claudia Nozzetti ha postato un commento su Facebook terrificante sugli stupri di Rimini. Le sue parole hanno assunto un rilievo anche politico visto che si tratta di un’esponente delle istituzioni, l’assessore alle attività produttive e al lavoro del comune di Venaria, cittadina popolosa alla periferia di Torino. Nozzetti ha scritto, in riferimento alla richiesta di estradizione fatta dalla Polonia nei confronti dei responsabili degli stupri di Rimini,  come «hanno fatto bene a richiamarseli, e spero che li obblighino a tagliarselo uno con l’altro e a farglielo mangiare…. i poverini fuggiti dalle guerre e bisognosi di accoglienza e affetto. In alternativa dateglieli in cura a casa della boldracchia…». Un commento pesantissimo, che invita a torture medievali contro chi si è macchiato di un crimine orribile.

IL TERRIFICANTE COMMENTO DI CLAUDIA NOZZETTI SUGLI STUPRI DI RIMINI

Le parole dell’assessore Claudia Nozzetti hanno creato un grande imbarazzo nella giunta del M5S di Venaria, città vicina a una delle più importanti amministrazioni dei 5 Stelle, la giunta guidata da Chiara Appendino a Torino.

LEGGI ANCHE > DESCRIVERE I MORBOSI DETTAGLI DEGLI STUPRI DI RIMINI NON È INFORMAZIONE

Claudia Nozzetti, dopo la forte polemica sui social, ha prontamente rimosso il commento, poi scusandosi per quanto scritto. «Scusandomi, desidero peraltro fare alcune precisazioni a proposito del commento di ieri: La problematica è sotto gli occhi di tutti e anima in modo forte e condiviso un senso di esasperazione e impotenza di fronte a istituzioni statali spesso avvertite come tiepide e incapaci nel tutelare il bisogno di sicurezza dei cittadini. Il concetto è stato espresso con parole eccessive, forti e inadeguate condivise più su una scia emotiva che razionale. Parole esterne a un ruolo istituzionale che soltanto parzialmente investe la mia vita, fatta al di sopra di tutto di quotidianità e problemi emotivamente vissuti che vanno ben oltre la semplice necessità di apparire. Al netto di ogni necessità, il commento proprio per le parole espresse è da censurare. Auspico in ogni caso una svolta nell’intraprendere azioni atte a tutelare indistintamente tutti». Il sindaco di Venaria Roberto Falcone ha rimarcato come le parole di Claudia Nozzetti siano sbagliate, e come nulla c’entrino col M5S visto che l’assessore non è affiliata ai 5 Stelle, ma è stata chiamata come tecnica.

Foto copertina: ANSA