La polemica in diretta tv, Mentana: «Leoluca Orlando si comporta come un bambino»

di Redazione | 12/06/2017

mentana

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando dice no al collegamento in diretta con la maratona elettorale. Enrico Mentana in studio sbotta: «Si comporta come un bambino, ad una certa età può capitare». È quanto accaduto ieri nel corso della maratona televisiva dedicata alle elezioni Comunali 2017 in onda su La7.

 

LEGGI ANCHE > Risultati elezioni Comunali Palermo, vince Orlando

 

ENRICO MENTANA SBOTTA IN DIRETTA: «LEOLUCA ORLANDO COME UN BAMBINO»

Dopo essere stato informato dalla sua inviata Marinella Aresta della decisione di Orlando di non voler rilasciare dichiarazioni, Mentana ha lanciato più di una frecciata al primo cittadino, ieri rieletto con oltre il 40% dei consensi per il suo quinto mandato. «Tanto per parlarci chiaro – ha detto il direttore del Tg La7 – Leoluca Orlando non vuole venire ai nostri microfoni perché ha ascoltato l’inizio della nostra trasmissione e si è sentito offeso perché abbiamo ricordato che è stato sindaco con varie denominazioni di lista». L’inviata da Palermo intanto precisava: «Orlando dice che da studio avete detto che è del Pd e questo lo ha molto infastidito». Mentana ha ribadito il suo disappunto anche con un pizzico di ironia: «Uno può fare anche il sindaco con il 100% ma se dice che non va ai microfoni di una televisione perché ha sentito un’offesa così terribile come ‘essere del Pd’, uno che è stato eletto anche con i voti del Pd, allora fa il bambino. Del resto ad una certa età si torna bambini. Può succedere anche a un uomo politico». E ancora: «Noi dovevamo una risposta ai nostri telespettatori. Non vorrei che si pensasse ad una defaillance tecnica o della nostra inviata. Semplicemente Orlando ha detto chiaramente: ‘Con Mentana non ci parlo’».

Il direttore ha anche chiesto all’inviata: «Il Pd ha chi ha dato i voti?». «Aveva una lista civica con Alfano in appoggio ad Orlando, senza simboli», la puntuale risposta di Aresta. Mentana ha quindi insiste, ancora una volta con ironia: «Noi ci scusiamo con Orlando per l’offesa terribile, per avergli detto che prendeva i voti del Pd. Speriamo che in un’altra occasione faccia a meno dei voti del Pd».

(Immagine: screenshot da video di La7)