Torino, falso allarme bomba scatena i panico tra i tifosi della Juve: 7 feriti gravi | VIDEO

di Redazione | 04/06/2017

torino falso allarme bomba

Ieri a piazza San Carlo a Torino, dove migliaia di tifosi della Juventus stavano assistendo alla finale della Champions League, si è scatenato un falso allarme bomba con panico e ressa. La folla è scappata in più parti della piazza travolgendo diverse persone: centinaia i feriti di cui 7 gravi, tra loro c’è anche un bambino.

guarda il video:

(video da Gazzetta.it)

LEGGI ANCHE > Alberto Airola e il gombloddo dei numeri per il caos in piazza San Carlo, a Torino

Qualcuno ha parlato di un grosso petardo, qualcun altro ha sentito il forte rumore scatenato dal cedimento della ringhiera di una scala di accesso al parcheggio sotterraneo della piazza. Al centro, in mezzo alla folla, si è scateanto il panico, all’altezza del noto negozio d’abbigliamento Olympic. Anche una vetrata del Caffè Torino, poco distante, si è frantumata: si sarebbe staccato l’intero infisso che reggeva il cristallo.
Nella ressa una ragazza è stata travolta e ora è ricoverata all’ospedale Molinette per schiacciamento del torace, le sue condizioni sono gravi. Anche un bambino figura tra le persone coinvolte anche lui con prognosi riservata per trauma cranico e toracico.
Due sciacalli sono stati denunciati dalle forze dell’ordine perché sorpresi a rovistare tra scarpe e zaini, borse e portafogli che si trovavano nei diversi punti di raccolta allestiti in piazza San Carlo dove venivano portati gli effetti personali persi dalle persone in fuga e recuperati un po’ ovunque nella piazza e nelle vie intorno.

TORINO FALSO ALLARME BOMBA: CHIARA APPENDINO “SCOSSA PER QUELLO CHE E’ SUCCESSO A SAN CARLO”

Da Cardiff, dove ha assistito alla partita, parla su Facebook la sindaca di Torino Chiara Appendino: «Sono scossa per quanto successo in piazza San Carlo a Torino e vicina a tutte le persone coinvolte. Monitoriamo la situazione minuto per minuto».

Il Comune ha deciso di annullare la domenica ecologica prevista oggi dalla 10 alle 18, anche per agevolare chi va a far visita ai familiari feriti ricoverati in ospedale.

( in copertina foto ANSA/FERMO IMMAGINE MEDIASET)