Luca Zaia e gli insulti su Facebook per la foto con un calciatore nero

di Redazione | 03/06/2017

luca zaia

L’odio su Facebook non finisce mai, è il caso di dire. Ha scatenato una nuova ondata di insulti sul social network la pubblicazione sul profilo Facebook di Luca Zaia di una foto del governatore della Regione Veneto che posa al fianco di un calciatore nero, l’interista Isaac Donkor, attualmente in prestito al Cesena.

LUCA ZAIA, INSULTI DOPO LA FOTO SU FACEBOOK CON UN CALCIATORE NERO

Dopo il caricamento dell’immagine, postata due giorni, fa è partita una serie di commenti offensivi. «Sembra un profugo», ha scritto qualcuno. «Campo di cotone», ha commentato un altro utente. E ancora: «Sembra sbarcato da un gommone dall’africa», «Zaia, non è razzismo ma perdi punti…». Qualcuno ha accusato il governatore di ipocrisia: «Se fosse stato un vu cumprà non l’avrebbe abbracciato». Oppure: «Si cerca con una foto di acchiappare voti a sinistra».

 

luca zaia
(Immagine via Facebook)

 

Una replica del presidente non si è fatta attendere. Rispondendo ad un commento («Arriverà il giorno che pur di governare andrete ad elemosinare anche i loro voti», aveva scritto un ragazzo) Zaia ha scritto: «Caro Giovanni, il Veneto che amministro ha 517.000 immigrati regolari, gente perbene. Siamo la terza regione in Italia per numero di immigrati. Chi viene qui con un progetto di vita e sposa i nostri valori è benvenuto. Per gli altri tolleranza zero. Spero di essere stato chiaro». Poi all’Ansa il governatore ha dichiarato: «Lo rifarei mille volte». E ha criticato «il mondo dei leoni da tastiera» che sfoga rabbia e frustrazioni sul web. «È diviso in tre categorie – ha detto – la prima è quella dei distratti che commentano a prescindere, vedendo un uomo di colore; la seconda e’ di quelli che fanno la morale al leghista puntando sulla dietrologia; la terza, più disgustosa, è quella dei razzisti».

 

luca zaia
(Immagine via Facebook)

 

Ma degli insulti ha parlato anche Donkor, 2e anni, che è anche cittadino italiano, arrivato nel nostro Paese 14 anni fa. Dal 2003 vive a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso. Delle frasi offensive ha parlato in un’intervista rilasciata ad Angela Pederiva del quotidiano Il Gazzettino:

Dispiaciuto per questi commenti?

 

«Ormai ci sono abituato e non ci faccio più caso. Se non rispondo è perché non vale la pena sprecare energie per certa gente. Non rovineranno il mio ritorno a casa per le vacanze, perché è da qui che vengo».

 

Anche se è nato in Ghana?

 

«Mi sento per metà ghanese e per metà italiano. Ho vissuto per 8 anni là e vivo da quasi 14 qua, dove ho tutti i miei amici e la mia famiglia, a cui sono molto legato».

(Foto via Facebook)

 

TAG: Luca Zaia