Quel murale di Margherita Hack imbrattato e restaurato: ora la scienziata ha il volto imbronciato | FOTO

di Gianmichele Laino | 30/05/2017

murale Margherita Hack

Episodio curioso a Empoli. Lo scarso senso civico di qualcuno aveva portato a imbrattare il murale cittadino dedicato all’astrofisica e divulgatrice scientifica Margherita Hack, nata a Firenze nel 1922 e scomparsa a Trieste il 29 giugno del 2013. L’opera, tuttavia, è stata prontamente restaurata, con l’accortezza di una piccola sorpresa.

LEGGI ANCHE: «Un murale come benvenuto a migranti e turisti»

IL RESTAURO DEL MURALE MARGHERITA HACK

Il murale che si trova in un centro polivalente a gestione comunale, dedicato proprio alla scienziata, è stato ripristinato rapidamente, trasformando l’espressione del soggetto ritratto da sorridente a imbronciata. Come a sottolineare l’inopportunità dell’atto vandalico.

L’opera, infatti, era stata interamente ricoperta da alcune scritte che facevano riferimento sia alla locale squadra di calcio che, domenica scorsa, è definitivamente retrocessa in Serie B, sia all’utilizzo delle droghe. L’artista Samuel Rosi che ha realizzato il murale e ne ha curato la ristrutturazione ha deciso di modificare l’espressione di Margherita Hack.

La vicenda è stata raccontata via social network dall’amministrazione comunale di Empoli, tramite i suoi account ufficiali: sono state infatti pubblicate tre fotografie che mostrano l’opera originale, l’opera dopo l’atto vandalico e l’opera restaurata.

(FOTO da account Twitter Comune di Empoli)