paola muraro
|

Roma, parla Paola Muraro: «C’è una guerra tra bande, non lavorano per la città»

Ora «sono delusa, non rivoterei Virginia». C’è una «guerra tra bande», «non si capisce qual è il bene comune», «non lavorano per Roma». Parla così oggi l’ex assessore all’Ambiente del Comune di Roma Paola Muraro, dimessasi la notte tra il 12 e il 13 dicembre dopo aver ricevuto un avviso di garanzia.

 

LEGGI ANCHE > Berdini prova a dimettersi. La sindaca Raggi: «Dimissioni respinte con riserva». Spunta l’audio | VIDEO

 

ROMA, PAOLA MURARO: «NELLA GIUNTA NON C’È COERENZA»

In un’intervista rilasciata a Lorenzo De Cicco per Il Messaggero, a meno di due mesi dall’addio, si dice «amareggiata» dalla giunta M5S guidata da Virginia Raggi fino ad ammettere che, in caso di nuove elezioni, resterebbe a casa. Muraro sostiene che nell’amministrazione pentastellata «manca coerenza» e che è stato un errore per la sindaca affidarsi al ‘Raggio magico’:

 Chi comanda in Comune? Che rapporti aveva con Romeo e Marra?

 

«Quando ero assessore con il cosiddetto “Raggio magico” non avevo molti contatti. Questo gruppetto di fedelissimi aveva fatto la campagna elettorale con la sindaca. Si erano creati rapporti effettivamente molto stretti. E la sindaca si è appoggiata a loro. Alla fine è stato un errore. Alla luce di questi fatti anche io non so più con chi ho parlato. Sa, a Roma si fa fatica a capire di chi ci si può fidare…».

 

Si è resa conto della guerra tra bande nel Campidoglio grillino? Dei dossieraggi?

 

«Certo, ho capito che c’è stata una guerra sotterranea, anche su di me. Anche se all’epoca devo dire che non me ne sono accorta». Avrà letto i messaggi della chat dei “quattro amici al bar”, dove l’ex capo segreteria Romeo chiede a Marra di «indagare sulla Muraro».

 

Cosa ha provato scoprendo questi messaggi?

 

«Molta amarezza, io mi ero messa a disposizione. Ma alla fine ho pagato un prezzo alto. Questa guerra tra bande mi ha penalizzata moltissimo. Non capisco di cosa andassero in cerca, io ho provato a lavorare in modo preciso e con l’obiettivo di fare qualcosa per questa città, per provare a risollevarla. Ma forse gli obiettivi erano diversi».

 

Cosa vuole dire? Che in Comune non lavorano per il bene di Roma?

 

«Ormai non si capisce più niente. Non si capisce qual è il bene comune. Mi sembra che abbiano perso di vista questo».

(Foto: ANSA / ANGELO CARCONI)