tinker board asus
|

Asus presenta Tinker Board, l’anti-Raspberry Pi

A cura di Maurizio Monaci.

Il mercato dei single-board computer si arricchisce di una new entry: Asus, il gigante taiwanese di hardware lancia sul mercato la Tinker Board. Dimensioni ridottissime e consumi minimi sono i punti di forza di questi computer su scheda singola che hanno fatto la felicità degli appassionati di elettronica di tutto il mondo. Dal lancio del famoso Raspberry Pi (arrivato alla terza generazione) si sono susseguiti diversi progetti come il Banana Pi, Odroid e il famoso Arduino. L’arrivo di un player internazionale come Asus in questo settore di mercato crea molto interesse nella comunità di sviluppo.

 

LEGGI ANCHE > 10 anni di iPhone, cosa ci aspetta per il futuro?

TINKER BOARD ASUS, CARATTERISTICHE

Asus Tinker Board è equipaggiato con un potente processore quad-core Rockchip a 1,8 GHz (RK3288), che ha una potenza doppia rispetto al suo concorrente montato su Raspberry Pi 3.
La RAM disponibile è di 2 Gb di tipo dual channel DDR3.
La connettività è garantita da Wi-Fi 802.11 b/g/n, una porta LAN Gigabit e Bluetooth 4.0.
1 porta HDMI 2.0 che supporta video a H.264 4K.
4 porte USB 2.0 e entrate e scheda a 40 pin GPIO.
Possibilità di controllare S/PDIF e PWM.
Uscita audio HD con jack audio 3.5mm.
Slot per Micro SD.
Alimentazione tramite Micro USB (5V/2A).
Sistema operativo opensource basato su Debian.
Dimensioni l 8,56 x h 5,4 centimetri.
Il prezzo di lancio è intorno ai 60 euro.

TINKER BOARD ASUS, PICCOLO MEDIA CENTER DOMESTICO

Il supporto nativo ai video 4K e la possibilità di riprodurre audio HD anche con supporto S/PDIF, lo rendono ideale per un piccolo media center domestico, capace di riprodurre qualsiasi formato video. Tinker Board sembra avere tutte le carte in regola per diventare un’ottima alternativa al Raspberry. Il suo successo dipenderà da quanto e come gli sviluppatori decideranno di puntare su questa nuova macchina.