Santa Maria Capua Vetere, coppia di coniugi trovata morta in casa: omicidio-suicidio

di Redazione | 16/01/2017

santa maria capua vetere

In un’abitazione di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, in via Galatina, i carabinieri hanno rinvenuto i corpi senza vita di due coniugi, Teresa Cotugno, di 50 anni, e Franco Sorbo, di 48. I corpi della coppia si trovavano in camera da letto: la donna, ancora a letto, aveva un colpo di pistola alla testa, l’uomo, invece, si trovava ai piedi del letto ed era riverso a terra, anch’egli ucciso da un colpo d’arma da fuoco.

 

LEGGI ANCHE > Aereo cargo turco cade in Kirghizistan, schianto su un villaggio: almeno 37 morti | Foto

 

SANTA MARIA CAPUA VETERE, MARITO E MOGLIE MORTI IN CASA

La pistola, una calibro 9×21 utilizzata per commettere il delitto, è stata trovata ai piedi dell’uomo. Gli elementi raccolti nell’immediato fanno ritenere si tratti di omicidio-suicidio. I primi accertamenti hanno rivelato che Sorbo, ex guardia giurata, deteneva legalmente l’arma. Sul posto il pm della procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e il comandante della locale Compagnia dell’Arma. A quanto pare non risultano denunce di stalking o maltrattamenti in famiglia.

SANTA MARIA CAPUA VETERE, LITIGI E RIAPPACIFICAZIONI

A trovare in camera da letto i corpi della coppia è stata la figlia 20enne. La ragazza è rientrata in casa tardi ma non è riuscita ad entrare perché l’ingresso era chiuso dall’interno. La ventenne ha quindi chiamato i vigili del fuoco che hanno aperto la porta. Poi si è precipitata nella camera da letto, dove ha scoperto i corpi senza vita dei ggenitori. La coppia aveva anche un altro figlio di qualche anno più piccolo, lontano da casa perché militare. Qualcuno ha raccontato del carattere ossessivo dell’uomo con la donna che qualche volta aveva detto volerlo di lasciare. La relazione era caratterizzata da litigi frequenti e riappacificazioni. La situazione deve essere poi precipitata la notte scorsa. Prova a ricostruire ora la procura di Santa Maria con il pm Alessandro Di Vico.

(Immagine da Pixabay.com)