Azusa California sparatoria seggi morti feriti
|

Elezioni Usa 2016, in California una donna spara vicino a un seggio: un morto, due feriti

CALIFORNIA SPARATORIA –

03.01 – E’ una donna l’assassina di Azusa. Ha fatto fuoco con un fucile ad alto potenziale. Nella cittadina a 25 miglia da Los Angeles l’attacco è avvenuto attorno alle 2 di pomeriggio e con l’arma a rapida ricarica ha colpito tre persone, forse quattro uccidendone una, come riporta il capo della polizia della contea, Steve Hunt. La persona che quindi avrebbe attaccato il seggio non è un uomo, come è stato riportato subito dopo la sparatoria, ma una donna,ì.

01.45 – Sono stati chiusi per precauzione un ambulatorio, un asilo e una scuola elementare che si trovano nella zona.

01.20 – Trapelano altre informazioni: l’assassino, che avrebbe fatto fuoco con un fucile, all’arrivo dei poliziotti avrebbe esploso contro gli uomini in divisa ben 20 colpi, prima di darsi alla fuga.

01.01 – Il Los Angeles Times, riportando le notizie ricevute dal capitano della polizia di Azusa Jeff Scroggin, conferma che sono 4 le persone colpite (3 feriti e 1 morto), che la sparatoria è avvenuta al di fuori del seggio elettorale del Memorial Park e che l’attentatore, in fuga, era “pesantemente armato”. Sarebbe fuggito verso il secondo seggio, chiuso anch’esso, per salvaguardare l’incolumità degli elettori.

Le Elezioni Presidenziali Usa 2016 si macchiano di sangue. Nella contea di Los Angeles Azusa, in California, presso un seggio, forse oggetto di un attacco specifico, due uomini sono stati colpiti in una sparatoria. Sarebbero ora già state trasportate le vittime, in gravissime condizioni, in ospedale, mentre la polizia conferma “l’incidente critico”.

LEGGI ANCHE: ELEZIONI PRESIDENZIALI USA 2016, LA DIRETTA

Due seggi, quelli di Memorial Park & Dalton Elementary, sono stati chiusi, le indagini sono già partite. Il primo di questi seggi è stato chiuso con circa 30 persone al suo interno, un gruppo di 20 bambini sarebbero stati evacuati da una palestra all’interno del centro ricreativo dove era stato allestito il seggio. I primi spari sarebbero stati sentiti da una donna che proprio in quel momento si apprestava a votare, il fuoco sarebbe stato aperto alle 14.45 locali.