Firenze, arrestato lo stalker di Maria Elena Boschi

di Redazione | 03/11/2016

stalker ministro maria elena boschi

Arrestato lo stalker del ministro Maria Elena Boschi. Si tratta di un 44enne con problemi psichici. La polizia lo ha fermato ieri a Firenze, dopo che si era rifiutato di pagare il conto in un ristorante. Poi è emerso che era ricercato in provincia di Napoli per atti persecutori verso l’esponente del governo.

STALKER MINISTRO MARIA ELENA BOSCHI, ARRESTATO A FIRENZE

Lo stalker precisamente è stato rintracciato e arrestato in un ristorante in via della Scala, non lontano da dove nel fine settimana si terrà la Leopolda. Il 44enne, originario e residente in Campania, è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, disposta nei giorni scorsi, su richiesta della procura di Roma, come aggravamento di quella già in atto di divieto di avvicinamento al ministro. La polizia è intervenuta nel ristorante nella tarda mattinata di ieri dopo una chiamata dal proprietario. Il 44enne si rifiutava di pagare il conto di un pranzo da poche decine di euro. Gli agenti, dopo averlo identificato e aver inserito il suo nome negli archivi, si sono resi conto che l’uomo era ricercato perché a suo carico pendeva una misura cautelare di arresti domiciliari, in provincia di Napoli, per atti persecutori verso la Boschi.

 

LEGGI ANCHE: Il Pd se la prende con DiMartedì di Floris per il servizio su Piazza del Popolo

 

Secondo quanto appreso da fonti di polizia e riportato dalle agenzie di stampa, lo stalker, che soffrirebbe di problemi psichici, sarebbe stato sottoposto da tempo alla misura del divieto di avvicinamento verso la Boschi e a quella dell’obbligo di dimora nel suo comune di residenza. Il 44enne però avrebbe violato le restrizioni, spingendo così la procura a chiedere al giudice un aggravamento con gli arresti domiciliari, che sono stati in seguito concessi. Sempre secondo quanto emerso, nei giorni scorsi, ancora prima dell’aggravamento della misura, l’uomo sarebbe stato fermato per un controllo dalle forze dell’ordine anche in provincia di Arezzo.

(Foto di copertina: ANSA / CIRO FUSCO)