Will Grigg is on fire
|

Will Grigg is on fire: Sean Kennedy, l’autore del coro, premiato dal boss del Wigan

WILL GRIGG IS ON FIRE –

Il calcio è una malattia. Può capitare di tornare a casa, pensando ai tuoi beniamini, al calciomercato, all’ultima malefatta di un arbitro. Oppure, semplicemente, al gol del tuo bomber: uno che la mette dentro in ogni modo, che non è un campione, ma ti fa battere il cuore. E magari pure il ritmo. E quella canzone con cui ti sei svegliato, diamine, quanto starebbe bene con il suo nome.
Forse così Sean Kennedy, tifoso del Wigan che grazie ai gol di Will Grigg, il bomber in questione, è passato dalla League One (la nostra Lega Pro) alla Championship (la nostra serie B), ha deciso di mettersi su youtube e registrare quella melodia matta che gli era rimasta in testa. Una musica pop, quella di Gala, Freed from desire, e tanto amore per i propri colori, che indossa e mostra davanti alla webcam. E forse tanto amore anche per l’alcol, chissà. A occhio sembra di sì.
Provi con una melodia, ne fai pure una coreografia. Ma poi arrivano quelle note e Sean Kennedy si gasa. Urla “Everybody!”. Non ha ancora idea di quanto sia stato profetico in quel momento.

Chi non l’ha mai fatto? Conosco tifosi napoletani che cantano ancora, citando Morandi, “Rullo su mille ce la fa” e altri che hanno intonato a squarciagola “Un giorno all’improvviso” a un matrimonio. Ma nel suo caso questa goliardata, presto è diventata questo.

E poi ancora questo. Ed è inutile dire che ormai è l’inno dei nordirlandesi, all’Europeo. Nonostante il buon Grigg, venendo dalla C inglese (come se noi avessimo Iemmello del Foggia in nazionale), non si sia fatto neanche un minuto in Francia, nonostante sia stato determinante nel girone di qualificazione e indossi la maglia numero 9.
Il fenomeno era già esploso, nel Regno Unito a metà maggio: i Lactics (nient’altro che un diminutivo di Athletics), così vengono chiamati i tifosi del Wigan, lo avevano da subito adottato come coro preferito.

Immaginiamo solo se dovesse entrare, cosa accadrebbe. Un tifoso sui social lo ha confessato candidamente “scateneremo l’inferno, sembrerà un terremoto”

Grazie a questi pazzi, sta diventando un fenomeno mondiale. Sean, il capolavoro l’aveva già partorito più di un mese fa. Loro, lo portano in giro da quando sono in Francia, appunto. “Will is on fire, your defence is terrified” (lui in verità il testo l’ha scritto tutto), ormai è un mantra. Arrivato fino al presidente del Wigan, il 25enne nipote dello storico patron Dave Wheelan che ha dichiarato il suo amore per quel simpatico pazzo e lo ha premiato: con un abbonamento alla sua squadra del cuore, il Wigan. Ma ha fatto di più: glielo ha fatto incidere, per un singolo il cui ricavato ed è andato tutto in beneficienza (inutile dire che è entrato nella Top 10 Uk).

Ora però tutto questo ci fa paura. Perché il genio passa una volta sola. Ed evidentemente per Sean è già passato.
Almeno a giudicare dall’altro suo megamix techno-tifoso. Forse è meglio andare su twitter, sull’account @WillGriggFire: lì vedrete esilaranti scene televisive e cinematografiche rimontate con la nuova hit come colonna sonora.