novellino vegano
|

Perché i biscotti Novellino vegano sono stati ritirati dal mercato

I biscotti Novellino vegano senza glutine del marchio NutriSì sono stati ritirati dal mercati. O meglio è stato ritirato un lotto, prodotto dall’azienda Nt Food spa, che non sarà più presente negli scaffali dei supermercati. La causa? L’irrancidimento dell’olio di semi di girasole con cui sono stati prodotti i biscotti vegani.

LEGGI ANCHE Che cos’è il Ramadan: come funziona e cosa non si può fare durante il mese di digiuno islamico

NOVELLINO VEGANO RITIRATO DAL MERCATO, IL COMUNICATO DELL’AZIENDA

Ecco qui il comunicato dell’azienda pubblicato su Il Fatto Alimentare:

Nessun rischio di sicurezza alimentare per il Novellino Vegano NutriSì Altopascio (LU), 10 Giugno 2016
Alcuni campioni di Novellino Vegano – lotto 17/02/2017 sono stati analizzati da un organismo di controllo, il quale ha riscontrato un elevato numero di perossidi in uno di essi. I perossidi sono generati dall’ossidazione della materia grassa del prodotto, nel caso del Novellino Vegano dall’irrancidimento dell’olio di semi di girasole. I perossidi incidono sulle proprietà organolettiche dell’alimento, ma non costituiscono un rischio per la sicurezza del consumatore. Occorre sottolineare, inoltre, che la decisione dell’azienda di evitare l’utilizzo di oli tropicali, in favore di oli nobili come l’olio extra vergine di oliva o, appunto, l’olio di semi di girasole, la espone con maggiore facilità a questo tipo di inconvenienti.
Nonostante non vi sia un rischio di sicurezza alimentare, né una normativa di riferimento che indichi una soglia limite per la presenza di perossidi nei prodotti da forno, è stata emanata un’allerta alimentare che sta coinvolgendo il territorio nazionale. A tutela del rapporto fiduciario con gli organismi di controllo ed i propri clienti, l’azienda ha deciso di chiedere comunque il ritiro e lo smaltimento di tutto il lotto 17/02/2017 del Novellino Vegano.
L’irrancidimento può produrre composti volatili, quindi l’eventuale non conformità si manifesta con un odore di rancido facilmente riscontrabile all’apertura della confezione. I consumatori in possesso di confezioni non conformi, appartenenti a tale lotto, potranno restituirle al punto vendita e richiederne il rimborso. L’azienda è in attesa di ricevere i risultati di analisi da laboratori esterni accreditati sul lotto in questione e ha richiesto la revisione del dato ufficiale all’Istituto Superiore di Sanità. In mancanza di grave rischio per la salute pubblica e ritenendo del tutto infondata l’emanazione di questa allerta alimentare, l’azienda sta quindi valutando eventuali azioni di tutela legale.
Ufficio Stampa Nt Food S.p.a.

Tutta colpa quindi dell’alta presenza di perossidi. Gli esperti dell’azienda produttrice hanno cercato di tranquillizzare i clienti spiegando che «incidono sulle proprietà organolettiche dell’alimento, ma non costituiscono un rischio per la sicurezza del consumatore».

(foto copertina pagina Fb Nutrisì)