Marina Berlusconi
|

Berlusconi: «Sereno, FI operativa». La figlia Marina contro il cerchio magico: «Lo avete spremuto»

«Lo avete spremuto troppo. Capisco le esigenze politiche, ma papà non è più in grado di sostenere certi ritmi e bisogna lasciarlo in pace». Marina Berlusconi si sarebbe rivolta così al cerchio magico dell’ex premier, da martedì ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano dopo uno scompenso cardiaco e ora in attesa di un intervento per la sostituzione della valvola aortica.

Leggi anche: Forza Italia, il cantiere del post-Berlusconi: da Parisi a Carfagna e Gelmini, è lotta per il vertice

MARINA BERLUSCONI CONTRO IL CERCHIO MAGICO

Le parole della figlia del Cavaliere sono riportate, stamane, in un articolo di retroscena del Mattino di Napoli a firma di Mario Ajello:

Ha tirato troppola corda negli ultimi tempi,dicono tutti. Ma c’è chi lo dice, a proposito di Silvio Berlusconi che non è gravema neanche sta molto bene, in maniera particolare. Si tratta della figlia Marina. La quale, dicono sussurri di corte, si sarebbe rivolta così al cosiddetto cerchio magico del leader di cui naturalmente fa parte in posizione preminente Francesca Pascale: «Lo avete spremuto troppo. Capisco le esigenze politiche, ma papà non è più in grado di sostenere certi ritmi e bisogna lasciarlo in pace». E il medico Zangrillo sembra proprio aderire a questa sorta di protesta, quando dice che «sarebbe meglio che non facesse più politica».

 

ZANGRILLO:«BERLUSCONI? HA RISCHIATO DI MORIRE.VA OPERATO»

SILVIO BERLUSCONI RICOVERATO, GLI AMICI GLI CONSIGLIANO IL RIPOSO

Un invito ad abbandonare la stressante vita politica sarebbe giunto anche dall’amico Fedele Confalonieri:

Anche Fedele Confalonieri, oltre ai figli, consigliano a Silvio: «Non puoi più fare questa vita, devi mollare la politica». Lo farà? Fuori dalla sua stanza al San Raffaele, dove oltre ai collaboratori più stretti e ai familiari sono entrati anche gli amici fraterni (Gianni Letta, Fedele Confalonieri, Adriano Galliani), c’è chi ragiona così: «Se a Milano noi con Parisi perdiamo al ballottaggio, il Presidente potrebbe capire che è venuto il momento di concedersi il meritato riposo. Ma nel caso in cui vincessimo, lo conosciamo tutti Berlusconi: si farebbe trascinare dalla passione, e anche se stanco e acciaccato non resisterebbe a ributtarsi anima e corpo nell’arena politica».

 

Mentre in casa azzurra non mancano i timori e iniziano le manovre per organizzare il post-Berlusconi, è però lo stesso Cav ad assicurare con un messaggio su Facebook che il partito è pienamente «operativo» e «in grado di operare in questi giorni di» sua «forzata assenza»

Silvio Berlusconi

(Foto di copertina: ANSA / MOURAD BALTI TOUATI)