Maria Elena Boschi riforme costituzionali
|

Maria Elena Boschi per The Independent: «Con il sì alle riforme gli italiani sceglieranno il futuro »

Maria Elena Boschi Riforme costituzionali

, il ministro Maria Elena Boschi ha rimarcato la centralità delle riforme costituzionali nell’azione del governo Renzi in un editoriale firmato per The Independent. Secondo il ministro gli italiani diranno sì al referendum perchè sceglieranno il futuro, pur ringraziando il passato.

MARIA ELENA BOSCHI THE INDEPENDENT

Nelle settimane scorse Maria Elena Boschi si è recata in visita istituzionale a Londra, dove ha illustrato le riforme costituzionali promosse dal governo. Nell’azione di comunicazione del ministro rientra anche un editoriale scritto per un prestigioso quotidiano britannico, The Indipendent. Nell’articolo, che inizia con una citazione di uno dei più celebri romanzi di Charles Dickens, Racconto di due città, si rimarca come l’Italia stia vivendo una fase di grandi cambiamenti.

Il primo cambiamento si è verificato il 12 aprile, con una riforma della Costituzione italiana che semplifica il modo in cui funzionano le istituzioni. Una riforma che ha visto la luce dopo 30 anni di tentativi infruttuosi.

 

MARIA ELENA BOSCHI RIFORMA COSTITUZIONALE

Nell’articolo per The Independet Maria Elena Boschi descrive i cardini della riforma costituzionale, evidenziando come la crescita economica e il benessere di una comunità siano collegati alle sue istituzioni e al suo sistema elettorale. Per questo motivo il governo Renzi ha promosso riforme in numerosi campi, azioni che ora secondo il ministro stanno iniziando a dare risultati.

La nostra economia sta crescendo e la posizione dell’Italia è cambiata da fonte di problemi a Paese capace di offrire risposte. L’Italia ha riguadagnato credibilità nell’affrontare due delle maggiori sfide del presente, la crescita economica e l’esigenza di fornire una soluzione di lungo periodo sull’immigrazione.

MARIE ELENA BOSCHI ITALIA RIACCENDE I MOTORI

Nell’editoriale per The Independent il ministro del governo Renzi rimarca come l’Italia abbia riavviato i motori. Il nuovo sistema elettorale che assicurerebbe stabilità è secondo l’esponente dell’esecutivo di Roma uno dei fattori chiave per riformare le istituzioni.

Il nostro obiettivo è l’istituzione di una democrazia capace di prendere decisione. La parola finale spetta a cittadini. Al referendum di ottobre ognuno di noi sarà chiamato a decidere quale tipo di futuro auspica per il nostro Paese, dicendo un sì o un no alle riforme costituzionali. Citando l’economista (ed ex segretario generale dell’Onu, ndA), Dag Hammarskjöld , credo che il popolo italiano dirà grazie al passato e sì al futuro.