pilota lasciato aereo fiumicino
|

Il pilota lasciato dalla moglie che minacciava di far cadere l’aereo

«Se mi lasci faccio cadere l’aereo». Tragedia sventata all’aeroporto di Fiumicino: Il Messaggero oggi racconta la storia di un pilota di aerei di linea arrestato poco prima di salire a bordo dell’aereo che avrebbe dovuto pilotare, dopo che la moglie aveva allertato le autorità della minaccia dell’uomo, che non accettava la fine della loro relazione.

pilota lasciato aereo fiumicino
AnsaPhoto – immagine di repertorio

PILOTA LASCIATO: «SE NON RITIRI LA SEPARAZIONE FACCIO CADERE L’AEREO»

Il fatto, che sarebbe accaduto alcuni mesi fa, è riportato oggi dal quotidiano romano in un articolo a firma Maria Grazia Bocci e Antonino Bochicchio, che raccontano come sia stata evitata una strage qualche tempo prima del  “caso Lubitz”, il pilota di Germanwings che nel marzo del 205 si schiantò sulle Alpi francesi con 150 persone a bordo.

Lui padovano, quarantenne, pilota di una compagnia aerea straniera, stava per partire per un volo transoceanico. Era di passaggio in città. Ha telefonato alla moglie: «Se non ritiri la separazione, stanotte faccio cadere l’aereo». […] La moglie del pilota padovano, da tempo in contatto con la polizia, era terrorizzata. L’ex marito altre volte aveva minacciato il suicidio. Ma questa volta stava andando oltre. Lei ha avvisato subito la questura: bisognava bloccarlo prima del decollo.

Il pilota è stato fermato mentre stava per imbarcarsi sull’aereo, diretto in Giappone. È stato sollevato dall’incarico dalla compagnia aerea per cui lavorava e sottoposto a perizie psichiatriche e psicoattitudinali.

(Photocredit copertina: – ANSA – immagine di repertorio)