Brexit
|

Brexit spiegata in 7 punti

Brexit

, l’addio del Regno Unito all’Unione europa potrebbe materializzarsi con la vittoria dei no al referendum del 23 giugno sulla Brexit. Ecco spiegato in 7 punti quali sono i principali temi relativi alla Brexit.

    • 1. Che problema ha il Regno Unito con l’Europa. Lo scetticismo dei britannici verso l’Europa ha ragioni storiche profondamente radicate. La costruzione del Regno Unito è stata molto più pacifica rispetto alle guerre che hanno portato agli Stati nazionali europei, insanguinando per diversi secoli il suolo continentale. I conflitti di Napoleone come le due guerre mondiali hanno ulteriormente rafforzato la distanza ideale tra l’isola britannica e il suo Continente d’appartenenza. L’adesione al processo di integrazione dell’UE è stato caratterizzato da un profondo scetticismo verso lo scarso pragmatismo e l’eccessivo statalismo che i britannici rimproverano ai Paesi europei.
    • 2. Come sarebbe l’UE senza il Regno Unito? L’UE perderebbe peso politico. L’economia britannica è la quinta a livello mondiale, il Regno Unito è una potenza nucleare con seggio permanente all’Onu e ha uno degli eserciti più forti d’Europa, insieme a Francia e Russia. L’Unione europea perderebbe il suo Stato membro più liberale e più legato agli Stati Uniti: la cultura anglosassone scomparirebbe dal processo di unificazione europea.
    • 3. Cosa perde il Regno Unito con la Brexit. L’economia britannica è strettamente collegata a quella europea: più della metà dell’export del Regno Unito è venduto all’interno del mercato unico dell’UE. Il governo di Londra sarebbe costretto a firmare trattati bilaterali come la Svizzera per non perdere l’accesso al suo mercato più importante. Standard & Poor’s ha minacciato il declassamento del rating britannico in caso di addio all’UE, mentre la sterlina si è svalutata sui timori della Brexit.

LEGGI ANCHE

  • 4. Effetto Boris Johnson sulla Brexit. La Brexit è diventata un campo di battaglia all’interno dei Conservatori. Il premier britannico è contrario all’addio all’UE, e la sua leadership è stata sfidata dal sindaco di Londra Boris Johnson, che si è schierato per la Brexit. La maggior parte degli elettori conservatori così come dei parlamentari è a favore dell’addio al Regno Unito.
  • 5. Il Regno Unito può liberarsi dalle regole dell’UE? A livello politico ed economico il Regno Unito avrà grosse difficoltà a uscire in modo definitivo dal processo di integrazione europea. L’unico Paese che finora ha abbandonato l’unificazione è stata la Groenlandia nel 1985, quando lo stato dell’approfondimento comunitario era sensibilmente inferiore all’attuale, quasi inesistente al confronto. Lo scetticismo dei mercati finanziari e lo schieramento massiccio della grande industria e dell’alta finanza per la permanenza nel Regno Unito evidenziano le numerose preoccupazioni per le conseguenze della Brexit.
  • 6. Come si svolge il dibattito sulla Brexit. Le più prestigiose testate britanniche si sono schierate contro la Brexit. Financial Times e The Economist hanno evidenziato in numerosi editoriali le negative conseguenze dell’addio all’UE. I giornali progressisti come The Guardian sono per rimanere nell’UE, mentre i tabloid conservatori sono piuttosto freddi. Quotidiani molto venduti come The Sun o Daily Mail non si sono finora espressi con chiarezza, anche se il loro euroscetticismo sembra indicare un possibile sì.
  • 7. Quante chance ha la Brexit? I sondaggi rilevano un quadro incerto in merito al referendum sulla Brexit, anche se i dati collezionati a poco meno di quattro mesi dal voto non sono così indicativi. La maggioranza dei britannici è chiaramente euroscettica, ma l’addio all’Unione europea lascia molti dubbi anche tra chi al momento è schierato per il no all’accordo. Il tipico pragmatismo del Regno Unito potrebbe apprezzare il compromesso raggiunto da David Cameron, che ha riservato un ruolo speciale alla Gran Bretagna all’interno dell’UE.

TAG: Brexit