Nichi Vendola: è nato suo figlio Tobia Antonio

di Redazione | 28/02/2016

nichi vendola figlio tobia antonio

Nichi Vendola ed Eddy Testa hanno avuto un figlio. È nato Tobia Antonio, figlio del compagno di Nichi Vendola, Eddy Testa, e di una donna indonesiana, attraverso la pratica dell’utero in affitto. Il bambino è nato negli Stati Uniti il 27 febbraio, in una clinica Californiana.

LEGGI ANCHE: È nato il figlio di Nichi Vendola: sul web auguri e insulti all’ex governatore della Puglia

NICHI VENDOLA: È NATO SUO FIGLIO

A darne notizia è il Corriere della Sera con un articolo a firma Silvia Morosi, che riprende un articolo di Giacomo Amadori pubblicato su Libero:

[…] «Il bimbo è figlio di Nichi Vendola, del suo compagno trentottenne, l’italo canadese Eddy Testa, e di una donna indonesiana con passaporto americano» […] Non è facile avere altre notizie sul «fiocco arcobaleno», visto il silenzio dei parenti dei neo-genitori. Le prime notizie in Puglia sono arrivate verso le 19. Uno dei fratelli di Vendola (penultimo di due fratelli e una sorella, ndr.), nei giorni scorsi, aveva addirittura scritto su Facebook che il leader di Sel era «negli States per curare un’otite con epididimite ingravescente» che lo affligge da quando ha 12 anni.

NICHI VENDOLA ED EDDY TESTA

Il bambino avrà quindi tre passaporti, ma attualmente gli verrà riconosciuta solo la parternità di Eddy Testa:

Quella della coppia, spiega Amadori, è stata una «scelta ragionata», anche se Vendola in mancanza di una legge in Italia, si vedrà riconosciuta la paternità solo in Canada: «A meno di un (probabile) intervento di un giudice», commenta Libero, sottolineando come il padre biologico sia il compagno del politico, di 20 anni più giovane. Secondo le indiscrezioni il bambino «si chiama Tobia, nome che non appartiene a nessuno dei nonni, e deve il secondo nome a Antonia Lategola, mamma di Vendola, ma anche al papà di Ed, Antonio».

La notizia dell’imminente paternità dell’ex governatore della Regione Puglia era trapelata qualche giorno fa in un articolo pubblicato da Repubblica, in cui si avanzava l’ipotesi che il piccolo sarebbe potuto venire alla luce proprio in Canada, paese dove la maternità surrogata è legale.

(Photocredit copertina: ANSA/LUCA TURI)