clementino
|

Clementino denuncia su Facebook: “La mia auto a fuoco. La città mi ringrazia così”

Clementino, al secolo Clemente Maccaro, tra i rapper più quotati del panorama musicale italiano, ha denunciato su Facebook il rogo della sua auto. Un gesto a suo dire inspiegabile, gratuito nei confronti di un uomo che ha solo cercato di cantare la propria terra, obiettivo che si prefigge anche al prossimo Festival di Sanremo, dove parteciperà tra i “big” col brano “Quando sono lontano”.

Eccomi qui!Visto il lavoro che faccio non sono abituato a stare zitto , piuttosto mi faccio ammazzare…Ho pensato …..

Posted by Clementino on Mercoledì 20 gennaio 2016

CLEMENTINO, LA DENUNCIA SU FACEBOOK

Clementino ha affidato a Facebook la propria amarezza per quanto accaduto, con un messaggio che non lascia spazio a dubbi circa la sua delusione:

L’altro ieri notte fuori casa mia a Faibano di Camposano (Un piccolo paese in provincia di Napoli) mi hanno bruciato l’auto …
Io non ho debiti con nessuno e non ho mai fatto male a nessuno e quindi mi chiedo
PERCHÉ ???
Forse perché non ho fatto qualche collaborazione musicale a qualcuno?? Può essere.
Forse perché nella mia regione tutti mi vogliono bene perché canto per questo popolo e fa girare le scatole a qualcuno?? Può essere.
La mia unica colpa è quella di essere forse troppo disponibile con tutti (chi mi conosce lo sa! ) forse la mia colpa è quella di appartenere ad una famiglia di brava gente. Boh? ?
Questo è il ringraziamento per aver sempre cantato in nome del mio popolo , per aver rappresentato il disagio della mia città attraverso la musica (e anche tra qualche giorno a Sanremo).
Cosa devo fare?? Devo andare ad abitare lontano per scappare da questa giungla??

LEGGI ANCHE: Big Sanremo 2016: cantanti e canzoni in gara a Sanremo

CLEMENTINO, LE REAZIONI E LA VICINANZA DEI FAN SU FACEBOOK

Le parole di Clementino con tanto di riflessione sulla possibilità di abbandonare Napoli e la Campania hanno attirato l’attenzione di centinaia di fan che sempre su Facebook cercano di esprimere la loro vicinanza incoraggiandolo a continuare con la sua attività: