Risultati ballottaggio Francia, i partiti tradizionali fermano Marine Le Pen

di Redazione | 14/12/2015

Nicolas Sarkozy

Al ballottaggio delle elezioni regionali in Francia Marine le Pen e il suo Front National non sono riusciti a ripetere l’exploit del primo turno. La destra radicale si è fermata. Sconfitta ovunque. Mentre è avanzato rispetto al 6 dicembre il blocco dei partiti tradizionali. Soprattutto i conservatori, favoriti da un arretramento dei socialisti. Più nel dettaglio, il Front National non ha conquistato nemmeno una delle sei regioni in cui era in testa dopo il primo turno. La sfida delle Regionali si è conclusa con un 7 a 5 per i conservatori di Nicolas Sarkozy sui socialisti di Francois Hollande, che controllavano 12 regioni su 13, ma che sono comunque riusciti a reggere il confronto meglio del previsto. La Corsica è andata gli indipendentisti.

 

LEGGI ANCHE: Francia risultati ballottaggi: exit poll, «nessuna regione al Front National»

 

RISULTATI BALLOTTAGGIO FRANCIA, NESSUNA REGIONE AL FN –

Les Republicains di centrodestra hanno strappato la prestigiosa regione parigina, l’Ile-de-France, e hanno vinto in Normandia, Nord-Pas-de-Calais-Picardia, Provenza-Alpi Costa azzurra, Alsazia-Champagne-Ardenne-Lorena, Alvernia-Rodano-Alpi e nei Paesi della Loira. I socialisti, invece, mantengono Bretagna, Aquitania-Limousin Poitou-Charentes, Linguadoca-Rossiglione-Midi-Pirenei, Borgogna Francia-Contea e Centro Valle della Loira. La Corsica è andata agli idnipendentisti. Il Front National viene fermato dalla mobilitazione per sbarrargli il passo. L’affluenza è scesa tra primo e secondo turno è salita dal 43 al 59%. Marine Le Pen ha ottenuto il 42% contro il 58% del rivale Xavier Bertrand nel Nord-Pas-de-Calais-Picardia. Nella Provenza-Alpi-Costa Azzurra, intanto, sua nipote Marion si è fermata al 45% contro il 55% dell’avversario conservatore, sindaco di Nizza.

RISULTATI BALLOTTAGGIO FRANCIA, PER LE PEN 6,6 MLN DI VOTI –

In ogni caso un avanzamento della destra nel paese c’è stato. Il Front National ha ottenuto oltre 6,6 milioni di voti, battendo il suo record di preferenze, stabilito alle elezioni presidenziali del 2012, quando Jean-Marie Le Pen, padre di Marine, arrivò al ballottaggio con 6.421.426 voti. Anche senza conquistare alcuna regione, insomma, il partito della Le Pen ha superato tutte le precedenti elezioni. Sul piano percentuale, con oltre il 28% ha superato il record del 27,73% di domenica scorsa. Le Pen ha affermato, commentando l’esito del voto, che il Fn non è uscito ridimensionato dal secondo turno e che la sua avanzata è inarrestabile. La leader della destra radicale ha assicurato che i risultati non fermeranno «l’inesorabile ascesa, elezione dopo elezione, di un movimento nazionale» che sostiene il suo partito. «Voglio esprimere la mia gratitudine ai più di 6 milioni di francesi» che hanno votato Fn e «hanno saputo rifiutare le intimidazioni e le manipolazioni». «In un momento grave, non abbiamo ceduto niente», ha commentato il primo ministro socialista Manuel Valls.

 

RISULTATI BALLOTTAGGIO FRANCIA, COMMENTI IN ITALIA –

Non sono mancate reazioni dall’Italia. «Un segnale importante per l’Europa: i francesi dicono no alle scorciatoie populiste. E per l’Italia una lezione a chi dice che il ballottaggio previsto nell’Italicum non funziona: questo vote li smentisce in maniera evidente», ha affermato il vicesegretario Pd, Lorenzo Guerini all’Ansa. «Hanno dovuto fare un’ammucchiata, tutti insieme, sinistra e finta destra, socialisti e repubblicani, banchieri e giornali, contro la Le Pen. Ma ormai la riscossa delle persone perbene non la ferma più nessuno, potranno rallentarla ma non bloccarla: grazie Marine!», ha commentato il segretario della Lega Nord Matteo Salvini. «Come previsto in Francia, alla fine, l’inciucio e il compromesso hanno prevalso sugli interessi del popolo francese. Ma l’incredibile risultato del Front National, che in cinque anni passa dal 9% al 30% diventando il primo partito di Francia, conferma che il vento del cambiamento non si può fermare», ha scritto invece su Facebook la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit: Alain Apaydin / ABACAPRESS.COM)