Investire in banca, come si fa a capire se un’obbligazione è subordinata

di Redazione | 11/12/2015

Quando si decide di acquistare prodotti finanziari, cosa bisogna fare per ridurre al massimo il rischio di perdere il capitale investito? È una delle domande ricorrenti che si pongono i risparmiatori italiani, soprattutto nei giorni in cui al centro del dibattito pubblico sono finite le difficoltà di quattro banche italiane.

 

LEGGI ANCHE: Investire in banca, a cosa stare attenti

 

OBBLIGAZIONI SUBORDINATE, COME RICONOSCERLE –

Per dare una risposta all’interrogativo il quotidiano La Stampa in un articolo a firma Sandra Riccio ha elencato diverse regole che piccoli e grandi clienti degli istituti di credito dovrebbero seguire. Uno dei passaggi chiave riguarda la distinzione tra obbligazione senior e obbligazione subordinata. Ecco domande e risposte:

Quali sono le gradazioni di rischio tra le obbligazioni bancarie? Che differenza c’è tra bond senior e subordinati?

Le obbligazioni senior hanno la precedenza nel rimborso. Vuol dire che i risparmiatori che hanno questo tipo di titolo saranno privilegiati e riavranno prima i loro soldi. Le subordinate, come rivela il nome stesso, in caso di guai finiscono agli ultimi posti dei rimborsi.

Come si fa a sapere se un’obbligazione è senior o subordinata? Dove va cercata questa informazione?

È scritta sul prospetto informativo dell’obbligazione, nelle primissime pagine. Le banche sono obbligate a pubblicare questo dato a pena di nullità del titolo. Il fatto è che molte volte i consulenti di banca non consegnano il tomo del prospetto informativo al cliente. Occorre quindi andarsi a cercare questa indicazione da sé. Non è difficile: i prospetti sono pubblicati anche in Internet.

Tante volte i consulenti allo sportello giurano che le obbligazioni che ci stanno vendendo sono sicurissime. Che si fa in questi casi?

Certo in questi casi diventa difficile riuscire a cavare più certezze. Probabilmente non è all’impiegato di banca che va fatta questa domanda. Meglio verificare in proprio e aspettare a firmare.

(Foto di copertina: ANSA / FRANCO SILVI)