La soluzione anti-terrorismo di Trump: «Internet va chiuso»

di Redazione | 08/12/2015

repubblicani-marco rubio

Non si placano le polemiche sulle affermazioni di Donald Trump, candidato alle primarie repubblicane per la candidatura alla presidenza degli Stati Uniti d’America. Secondo il magnate americano gli Usa dovrebbero considerare l’idea di chiudere le frontiere ai musulmani e di impedire, per arginare la diffusione degli estremisti online, l’accesso ad Internet e social media, per arginare la diffusione degli estremisti online.

 

LEGGI ANCHE: Donald Trump vuole vietare gli Stati Uniti ai musulmani

 

DONALD TRUMP: «INTERNET VA CHIUSO» –

Le affermazioni sul web sono state pronunciate in un comizio in South Carolina, durante il quale Donald Trump ha detto di voler incontrare Bill Gates per discutere della sua idea. «Stiamo perdendo un sacco di persone a causa di Internet, dobbiamo fare qualcosa», ha detto il candidato repubblicano alla Casa Bianca. «Dobbiamo vedere Bill Gates, chi capisce realmente cosa sta succedendo, e parlare con loro. E magari in alcune zone bisogna ‘chiudere’ internet in qualche modo». «Qualcuno dirà – ha concluso Trump – ‘oh la liberta’ di stampa, la libertà di stampa’. Ma questa è gente stolta».

DONALD TRUMP: «VIETARE L’INGRESSO DEI MUSULMANI» –

Sui musulmani, invece, in un’intervista alla Cnn Donald Trump ha ribadito: «Se non verrà realizzata l’idea di un temporaneo divieto di entrata negli Usa per i musulmani, ci saranno altri attacchi contro l’America». «Vedrete molti, molti altri World Trade Center e probabilmente anche di più», ha spiegato riferendosi agli attentati dell’11 settembre 2001. «Vogliono abbattere i nostri edifici e schiacciare le nostre città – ha aggiunto il candidato repubblicano – Vivono all’interno del nostro paese». Trump ha affermato che non gli importa cosa pensa il Grand Old Party del suo progetto di un bando temporaneo agli immigrati musulmani. «Possiamo chiudere gli occhi, possiamo mettere i paraocchi, ma io di solito non lo faccio», ha concluso.

DONALD TRUMP, DURE CRITICHEDA STAMPA E CASA BIANCA –

Le dure reazioni alle parole di Donald Trump non si sono fatte attendere. Il New York Times ha definito il candidato «un bigotto senza esperienza in politica estera». «Non c’è nulla di quello che afferma o sostiene che non sia finalizzato a seminare odio», ha scritto il quotidiano americano in un’editoriale che attacca i candidati repubblicani alla Casa Bianca per la loro reazione al discorso di Barack Obama alla nazione sulla minaccia del terrorismo. Ma duro è stato anche il commento della responsabile per la comunicazione della Casa Bianca, che ha dichiarto: Le parole di Trump sui musulmani sono «pericolose, irresponsabili, non informate».

DONALD TRUMP, I MUSULMANI: «COSÌ FA IL GIOCO DELL’ISIS» –

Infine, la comunità musulmana. Nihad Awad, responsabile del Council on American-Islamic Relations, ha affermato che la proposta di vietare l’ingresso in Usa a chi professa l’Islam «verrà utilizzata dai militanti dell’Isis per reclutare nuove forze». «Mettendo gli americani l’uno contro l’altro – è l’accusa di Awad – Donald Trump sta facendo il gioco dell’Isis».

(Foto di copertina: ROBYN BECK / AFP / Getty Images)