aids roma
|

Aids: salgono a 20 le denunce di contagio per il “bulimico sessuale” di Roma

Aids: il trentenne Valentino T., di Roma avrebbe contagiato 20 donne. A riferirlo il Messaggero che parla degli sviluppi dell’indagine condotta dalla polizia di Stato di piazzale Clodio e dal pm Francesco Scavo. L’età media delle vittime 21 anni, (7 quelle risultate contagiate), tutte tra i quattordici e i trenta anni, conosciute in chat.

LEGGI ANCHE:

Untore Aids a Roma: contagiata anche una quattordicenne?

Riporta il quotidiano:

Si va aggravando i giorno in giorno il quadro indiziario di Valentino T., il trentenne romano arrestato l’altro giorno per aver infettato almeno sei donne. Presto la procura potrebbe decidere di contestargli le lesioni gravissime volontarie, al posto di quelle contrassegnate dal dolo eventuale, ossia dalla prefigurazione che il contagio potesse verificarsi o meno, accettandone il rischio. Altre partner ora lo accusano. Alle sei iniziali, risultate positive, rintracciate dagli inquirenti, l’altro giorno se ne sono aggiunte quattro (di cui una contagiata) e ieri un’altra decina. Donne che chiamano allarmate in procura dichiarandosi pronte a raccontare l’intimità vissuta con Valentino, l’impiegato che in dieci anni ha fatto innamorare decine di loro coetanee, quasi sempre tradite e comunque tutte lasciate. Purtroppo alcune anche dopo aver contratto a loro insaputa la malattia.

E ancora:

La bulimia sessuale, il disinteresse per le cure retrovirali, il fatto di tacere sulla sieropositività e, soprattutto, la ferma richiesta di preferire rapporti più appaganti, senza protezioni, potrebbe quindi presto portare all’aggravamento delle contestazioni a suo carico. D’altra parte già anticipate nell’ordine di arresto firmato dal gip Giovanni Arturi. «Sulla scorta del quadro tratteggiato», aveva scritto il giudice, «l’ipotesi del dolo eventuale appare persino una prospettazione favorevole al responsabile, in rapporto ad elementi che potrebbero far pretendere per scenari motivazionali ben più inquietanti, meritevoli di futuri approfondimenti»

(in copertina foto ARINDAM DEY/AFP/Getty Images)