broker frati
|

Como, suicida il broker della truffa ai frati

Si è impiccato a Lurago d’Erba, provincia di Como, Leonida Rossi, 78 anni, il broker dei frati, indagato e perquisito dalle procure di Lugano e Milano per un ammanco di 49,5 milioni di euro, soldi affidatigli tra 2007 e 2014 da tre ex economi dell’Ordine dei Frati minori in cambio di promesse d’interessi compresi tra il 6 e il 12 per cento.

broker truffa frati
ANSA/Roberto Ritondale

 

BROKER FRATI, LA SPIEGAZIONE DI LEONIDA ROSSI

Prima di uccidersi con delle corde d’alpinista, spiega Luigi Ferrarella del Corriere della Sera, Leonida Rossi aveva spiegato la sua verità

ai francescani in una delle sue ultime confuse risposte alle contestazioni mossegli dai nuovi amministratori, subentrati nell’agosto 2013 all’economo frate Renato Beretta e agli altri due confratelli pure indagati ora per appropriazione indebita: «Ribadisco il concetto che senza fare investimenti di questo genere, in costruzioni varie per altri enti religiosi, all’estero, hotel e villaggi…, non si possono pagare tali interessi — scriveva Rossi —. Anche se ho cominciato da parecchio tempo a mettere in vendita le mie proprietà più importanti, non sarò in grado di restituire, con interessi o senza, quanto da voi richiesto», ma «se volete vi posso intestare un mio hotel di valore commerciale di 70 milioni di euro, così quando sarà venduto salderò il vostro debito e incasserò la differenza»

L’hotel in questione esisteva solo sulla carta. Non era reale. Leonida Rossi, italiano di nascita e keniota di residenza sperava che il progetto di quel «Millennium Beach Hotel»

con spiaggia privata sul Mar Rosso, 80 camere e 6 bungalow e 2 piscine e un ristorante-cupola da 400 coperti, potesse sottrarlo al frenetico balletto di ogni catena di Sant’Antonio: prendere i soldi da una parte e usarli per tamponare le restituzioni a un’altra, e via così finché l’ammanco emerge comunque. Non a caso ieri, mentre sul suicidio interveniva il pm comasco Francesco Nalesso, da Milano partivano i pm Alessia Miele e Adriano Scudieri per un giro di interrogatori (contemporanei ad altri del pm Sergio Spadaro) per comprendere quale ulteriore clientela Rossi potesse avere oltre ai frati che 9 mesi fa lo avevano denunciato

LEGGI ANCHE: Perché Poletti sulla «laurea con lode a 28 anni che non serve a nulla» ha ragione

BROKER FRATI, I NODI VENGONO AL PETTINE

La vicenda iniziò ad emergere negli ultimi mesi del 2014

nel XIV Congresso definitoriale i frati già avevano cercato invano di ottenere informazioni dall’ex economo frate Beretta, vago nell’asserire di essere stato vincolato dal suo scomparso predecessore «a mantenere riservato tutto il sistema», e da Rossi a distruggere sempre i rendiconti: sicché a cementare il silenzio dell’economo sarebbero state «la “premura fraterna” di aiutare un fratello in difficoltà e la cura di evitargli “una brutta figura”». «Viene chiesto a frate Renato — si legge allora nel verbale di quella drammatica riunione tra confratelli — di spiegare come i soldi siano stati trasferiti al signor Rossi. Egli dice che o si portava “la consistenza in contante”», nel senso di «soldi in andata trasferiti attraverso la ditta di Rossi» (la Anycom con sede propio accanto al Tribunale di Milano) e «rientri dalla Svizzera consegnati a mano»; o «si imbastiva una pratica immobiliare». Nel verbale si intuiscono i frati sbiancare, al punto che uno chiede all’ex economo se «a suo giudizio, tenendo conto anche di quanto non sappiamo, siamo ricattabili e se il signor Rossi intraprenderà questa strada. Frate Renato dice che, per come lo conosce, Rossi non farà nulla di tutto ciò». Intuizione esatta. Perché alla fine «il sig.Rossi» ha invece rivolto contro se stesso il buco nero nel quale erano stati ingoiati i quasi 50 milioni dei frati.