Elezioni Milano 2016, sondaggio Euromedia: Sallusti non è vincente

di Redazione | 27/11/2015

Alessandro Sallusti

Alle Elezioni 2016 per la scelta del sindaco di Milano il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, potenziale candidato del centrodestra, non sarebbe vincente. È quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’istituto demoscopico Euromedia Research di cui parla oggi Il Corriere della Sera. Una conferma delle indiscrezioni sui sondaggi riportate da Giornalettismo,  che aveva anticipato come le rilevazioni interne frenassero Sallusti il potenziale candidato unitario del centrodestra.

 

SEGUI LO SPECIALE DI GIORNALETTISMO: Elezioni 2016: candidati, prarie, sondaggi delle comunali

 

ELEZIONI MILANO 2016, SONDAGGI: SALA AVANTI –

Stando alla rilevazione finita sulla scrivania di Silvio Berlusconi il favorito per Palazzo Marino è il commissario di Expo 2015 Giuseppe Sala, un nome capace di fare il piano al secondo turno. nel confronto diretto al ballottaggio Sala staccherebbe Sallusti di addirittura venti punti. Scrivono Marco Cremonesi ed Elisabetta Soglio:

I partiti del centrodestra, secondo l’indagine dell’Euromedia research di Alessandra Ghisleri, conseguirebbero comunque risultati significativi. Forza Italia conquisterebbe un 14,8% tutt’altro che disprezzabile in questo momento di difficoltà profonda. E la Lega sarebbe intorno a un brillante 22%.
Sallusti, se le elezioni fossero con turno secco, sarebbe competitivo. Il problema è che al ballottaggio una candidatura di Giuseppe Sala conquisterebbe a piene mani dal bacino degli elettori «orfani» del loro candidato di prima battuta. Insomma, Sallusti farebbe il pieno al primo turno, ma da quel risultato non si staccherebbe in seconda tornata.
Il problema, per l’alleanza di Berlusconi, Salvini e Meloni, è che dal sondaggio emerge chiaro l’appeal che Sala esercita anche su un elettorato di centrodestra: sarebbe disponibile a votare per l’amministratore di Expo ben un elettore di Forza Italia su quattro. E addirittura un elettore leghista su sette. Ed è questo il dato che probabilmente più impensierisce Silvio Berlusconi.

(Foto di copertina: ANSA / ALESSANDRO DI MARCO)