Dati Istat, sale la produzione indutriale: +2,7%

di Redazione | 11/09/2015

cassa integrazione

Dopo il calo della disoccupazione e la risalita dei consumi delle famiglie, arriva ancora un segnale molto positivo per l’economia italiana. Secondo l’Istat la produzione industriale torna a crescere a luglio 2015 dopo il calo di giugno. L’Istituto nazionale di statistica registra in particolare un aumento dell’1,1% rispetto al mese precedente e del 2,7% rispetto a luglio 2014. I dati congiunturali mostrano che tutti i principali settori produttivi sono in miglioramento. Nella media dei primi sette mesi la produzione è cresciuta dello 0,7%.

 

LEGGI ANCHE: Jobs Act, in sette mesi le nuove assunzioni crescono del +35,4%

 

PRODUZIONE INDUSTRIALE, +44,9% NEL SETTORE AUTO

Per quanto riguarda i singoli settori, particolarmente interessanti sono i dati Istat relativi alla produzione di auto in Italia continua a segnare in questi mesi aumenti a due cifre. L’Istituto di statistica ha registrato a luglio una crescita del 44,9% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Nella media dei primi sette mesi dell’anno l’aumento della produzione è del 44,2%.

PRODUZIONE INDUSTRIALE, +20,1% NELLA FABBRICAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO

Stando ai dati Istat i maggiori contributi all’aumento tendenziale dell’indice generale a luglio vengono dai beni strumentali, cresciuti del 5,3%, e dall’energia, in crescita invece del 10,7%, principalmente a causa di fattori climatici. I comparti in maggiore progresso nell’anno sono la fabbricazione di mezzi di trasporto, che fa registrare un +20,1%, la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria, con un +12,0%, e la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, +11,7%. Le diminuzioni maggiori si registrano invece nell’attività estrattiva, con un -5,0%, nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti, -2,4%, e, infine, nella fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche, -0,8%.

(Foto di copertina: ANSA / CIRO FUSCO)