|

Le 17 cose sulla morte che non hai mai avuto il coraggio di chiedere

Sebbene ognuno debba accettare il fatto che un giorno morirà, ben pochi sembra vogliano parlarne. Nel mondo occidentale la morte è qualcosa di cui si ha paura, forse per timore del dolore o di ciò che potrebbe accadere dopo la vita. Ci saranno nuvole candide e porte splendenti oppure sarà come tornare nell’utero della mamma? Tu esisti, ma nessuno lo sa e sei circondato da una calma eterna. Normalmente la società cerca in ogni modo possibile di rimandare la morte, e così le donne comprano creme anti-rughe per combattere i segni del tempo e rimanere belle, raggianti e giovanili. Ci si prende cura di sé stessi, si fa attività fisica, si mangiano i cibi giusti e si controlla il proprio corpo in cerca di segnali anomali.

L’INIZIO DI UNA NUOVA AVVENTURA? –

In alcune culture, la morte è una parte fondamentale dell’esistenza umana che segna la fine di un viaggio e l’inizio di una nuova avventura, e anche se potreste considerare queste tribù estremamente incivili, bisogna dire che tra loro mai nessuno è morto cadendo dal letto (solo negli Stati Uniti ogni anno muoiono circa 600 persone in questo modo). Tecnicamente, come scrive Sara Weir su What a Culture, noi umani siamo programmati per vivere in eterno, ma moriamo comunque, principalmente a causa di malattie cardiache, ma anche per malattie e disturbi causati dall’età. Sfortunatamente per tutti noi verrà il momento di dire addio al mondo, ma potremo comunque continuare a “infestare” con affetto (ma anche no) le case di coloro che amiamo (o odiamo).

Scoprili tutti:

(Photocredit copertina: Jeff J Mitchell/Getty Images)

(Scritto con la collaborazione di Beatrice Mazzoleni e Chiara Agostini)